Scuola, Carta del docente: ecco a chi spetta e come funziona, c'è tempo fino al 31 agosto

Martedì 20 Luglio 2021 di Roberta Amoruso
Carta del docente, ecco a chi spetta e come funziona: c'è tempo fino al 31 agosto

La prossima scadenza da tenere in mente per l’utilizzo della Carta dei docenti è fissata per il 31 agosto. La Carta elettronica per l’aggiornamento e la formazione dei docenti di ruolo delle istituzioni scolastiche per gli anni 2019/2020 e 2020/2021, è a disposizione di ciascun insegnante in possesso di una utenza SPID.

 

Pensioni, l’obiettivo è superare Quota 100: Orlando convoca i sindacati. Elsa Fornero torna come consulente a Palazzo Chigi

 

Carte del docente, la doppia scadenza

Dunque, c’è ancora tempo per utilizzare il buono. Fino al 30 giugno 2021 con i 500 euro della Carta Docente era ammesso l’acquisto di dispositivi hardware finalizzati all’aggiornamento professionale anche per organizzare una didattica a distanza come webcam e microfoni, penne touch screen, scanner e hotspot portatili. Si tratta di acquisti normalmente non consentiti, però ammessi per venire incontro alle esigenze degli insegnanti alle prese con la didattica a distanza in periodo di emergenza da Covid-19. La scadenza “ordinaria” rimane invece fissata alla scadenza naturale biennale del 31 agosto. È bene, dunque, che il docente provveda a utilizzare il residuo della carta entro questa data. In ogni caso, non era possibile acquistare entro il 30 giugno, nè è possibile farlo entro il 31 agosto altri dispositivi che hanno come impiego principale le comunicazioni elettroniche come gli smartphone; sono esclusi anche fotocamere, videocamere, videoproiettori, memorie USB, stampanti e toner cartucce.

 

Vaccino, Bianchi: «Su obbligo ai professori deciderà il Cdm. Cattedre e supplenze scuola coperte»

 

Chi sono i beneficiari?

La Carta è assegnata ai docenti di ruolo a tempo indeterminato delle Istituzioni scolastiche statali, sia a tempo pieno che a tempo parziale, compresi i docenti che sono in periodo di formazione e prova, i docenti dichiarati inidonei per motivi di salute (di cui all’art. 514 del Dlgs.16/04/94, n.297), e successive modificazioni, i docenti in posizione di comando, distacco, fuori ruolo o altrimenti utilizzati, i docenti nelle scuole all’estero, delle scuole militari.

 

Qual è l'importo della Carta?

L’importo nominale della carta è di euro 500 annui per ciascun anno scolastico.

 

Precari, Pmi e autonomi: ecco la riforma dei sussidi

 

Cosa si può acquistare con la Carta?

La carta può essere utilizzata per l’acquisto di: libri e testi, anche in formato digitale, di pubblicazioni e di riviste comunque utili all’aggiornamento professionale; hardware e software; iscrizione a corsi per attività di aggiornamento e di qualificazione delle competenze professionali, svolti da enti accreditati presso il Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca; iscrizione a corsi di laurea, di laurea magistrale, specialistica o a ciclo unico, inerenti al profilo professionale, ovvero a corsi post lauream o a master universitari inerenti al profilo professionale; titoli di accesso per rappresentazioni teatrali e cinematografiche; titoli per l’ingresso a musei, mostre ed eventi culturali e spettacoli dal vivo; iniziative coerenti con le attività individuate nell’ambito del piano triennale dell’offerta formativa delle scuole e del Piano nazionale di formazione, di cui articolo 1, comma 124, della legge n. 107 del 2015(Buona Scuola).

 

Assegno di ricollocazione, ecco come chiederlo e a chi spetta: bonus fino a 5.000 euro

 

Che cos'è cartadeldocente.istruzione.it?

È l’applicazione web che permette ai docenti di spendere l’importo assegnato utilizzando annualmente Buoni di spesa elettronici per i beni o i servizi previsti. Ciascun insegnante può consultare la composizione del proprio borsellino elettronico attraverso la specifica funzione di “storico portafoglio”. Attenzione, i docenti che non sono mai riusciti a registrarsi e che si rivolgono ai diversi canali di assistenza sono invitati a specificare sempre il proprio codice fiscale ed il nome dell’ Identity Provider presso il quale è stata attivata l’utenza SPID.

Ultimo aggiornamento: 20:15 © RIPRODUZIONE RISERVATA