Pensioni di vecchiaia, cosa cambia? Ciriani: «Nessuna penalizzazione». Il governo: ulteriori tutele per il settore sanità

Lo chiarisce il ministro per i rapporti con il Parlamento intercettato in Senato

Mercoledì 6 Dicembre 2023
Pensioni di vecchiaia, cosa cambia? Ciriani: «Nessuna penalizzazione». Il governo: emendamento anche per settore sanità

«Per quanto concerne l'emendamento del governo alla manovra la modifica chiarirà che non vi saranno penalizzazioni per le pensioni di vecchiaia. Per il comparto sanità sarà previsto anche un ulteriore meccanismo di tutela». Lo chiarisce il ministro per i rapporti con il Parlamento Luca Ciriani intercettato in Senato.

Pensioni 2024, gli aumenti e le simulazioni: ecco a chi saranno tagliate e a chi no, le tabelle

Il governo presenta 4 emendamenti

Il governo presenterà quattro emendamenti alla manovra su quattro temi: sicurezza-difesa, previdenza in riferimento alla sanità, enti territoriali e investimenti.

Lo riferisce il capogruppo di Fi al Senato Maurizio Gasparri al termine della riunione dei capigruppo. Il governo «ha annunciato quattro temi che saranno affrontati: pacchetto sicurezza-difesa, previdenza anche in riferimento al settore della sanità, enti territoriali e temi legati agli investimenti, fra cui il ponte sullo Stretto e le infrastrutture. Argomenti che il governo ha annunciato che affronterà con appositi emendamenti che depositerà nelle prossime ore», conclude.

Il 18 la manovra in Senato

«Il governo ha condiviso l'ipotesi di spostare al 18 l'approdo della manovra in aula al Senato, perché c'è necessità di depositare emendamenti su alcuni questioni molto importanti», ha spiegato il ministro per i Rapporti con il Parlamento, Luca Ciriani, al termine della riunione dell'ufficio di presidenza al Senato. «La prima riguarda la revisione del calcolo delle pensioni del personale sanitario, molto atteso. La seconda la copertura dell'accordo sindacale con le forze armate di polizia in tema di rinnovo dei contratti. Poi il governo stanzierà un fondo aggiuntivo per le regioni speciali che hanno avuto una penalizzazione con la delega fiscale (rinnovo delle trattenute Irpef), e poi ci sarà un fondo per ristorare le regioni ordinarie per l'aumento dei costi dell'energia. Il quarto è sugli investimenti, in particolare una rideterminazione dei costi del Ponte sullo Stretto, con una diversa strutturazione dei costi a carico dello Stato e della Regione», ha spiegato il ministro.

Ultimo aggiornamento: 19:36 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmemedia.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci