Pensioni, assegno di novembre in anticipo: il calendario e le modalità di pagamento

Lunedì 18 Ottobre 2021 di R. Ec.
Pensioni, assegno di novembre in anticipo: il calendario e le modalità di pagamento

Anche per il mese di novembre la riscossione della pensione agli uffici postali sarà anticipata. Fino alla fine dello stato di emergenza causa Covid (che scadrà il prossimo 31 dicembre), infatti, i pensionati che scelgono di ritirare il loro assegno alle Poste possono farlo alla fine del mese precedente. Dal prossimo 25 ottobre fino al 30, quindi, si dovrà seguire un calendario scaglionato. La divisione viene fatta per cognomi e serve a non creare folle agli sportelli, così da rispettare le normative anti-assembramento.

 

Ape sociale: tra i nuovi lavori gravosi magazzinieri, forestali e portantini. Esclusi tassisti, colf e bidelli

 

Pensioni, il calendario delle riscossioni

Come ha spiegato la Protezione civile in un comunicato: "Allo scopo di consentire a Poste Italiane S.p.A. la gestione dell’accesso ai propri sportelli dei titolari del diritto alla riscossione delle prestazioni previdenziali corrisposte dall’Istituto Nazionale Previdenza Sociale, in modalità compatibili con le disposizioni in vigore adottate allo scopo di contenere e gestire l’emergenza epidemiologica da Covid-19, il pagamento dei trattamenti pensionistici, degli assegni, delle pensioni e delle indennità di accompagnamento erogate agli invalidi civili del mese di novembre 2021, è anticipato".

 

Pensioni, uscita anticipata con un taglio dell’assegno, ritiro a 63 o 64 anni

 

Questo il calendario per le riscossioni: 1) A-B: lunedì 25 ottobre; 2) C-D: martedì 26 ottobre; 3) E-K: mercoledì 27 ottobre; 4) L-O: giovedì 28 ottobre; 5) P-R: venerdì 29 ottobre; 6) S-Z: sabato 30 ottobre.

 

Anticipo del pagamento della pensione, possibile la delega

Per riscuotere la pensione come sempre la persona interessata può decidere di mandare un'altra persona, sua delegata. In questo caso, comunque, ci si deve presentare alle Poste nel giorno che corrisponde al cognome del pensionato. Se poi quest'ultimo ha più di 75 anni la delega può essere fatta anche ai carabinieri, che poi possono portare il denaro alla persona interessata.

 

«In pensione prima chi fa figli»: la proposta di Cottarelli contro il calo delle nascite. Ma è polemica

 

Il pagamento in contanti, in ogni caso, resta a disposizione di ogni pensionato che vuole riscuotere i propri soldi per due mesi dopo il primo giorno del mese di riferimento. Chi invece riceve i soldi in Banca avrà l'assegno il primo giorno utile di novembre, senza alcun anticipo (quindi martedì 2, visto che l'1 è festivo), secondo quanto prevede il calendario Inps per le pensioni in accredito sul conto corrente.

 

 

 

Ultimo aggiornamento: 17:25 © RIPRODUZIONE RISERVATA