Pensioni, corre spesa assistenziale: verso aumento a 110 miliardi nel 2019

Mercoledì 12 Febbraio 2020

(Teleborsa) - Sono circa 6,4 milioni i pensionati che ricevono prestazioni pensionistiche sotto i mille euro circa il 40% del totale. Mentre i singoli assegni sotto i mille euro sono circa 14,9 milioni, pari al 65,4% delle prestazioni in pagamento. Questo perchè in media, ogni pensionato percepisce 1,424 assegni, quasi una pensione e mezza ciascuno.

LEGGI ANCHE Pensioni, ipotesi riforma con stop a Quota 100 già a fine 2020

E' quanto emerge dai dati 2018 raccolti dal Casellario Centrale dei pensionati INPS ed elaborati dal Centro Studi e Ricerche Itinerari Previdenziali nel Settimo Rapporto sul Bilancio del Sistema Previdenziale italiano. Nel dettaglio, nel 2018 il 67,2% dei pensionati percepisce 1 prestazione, il 24,8% dei pensionati percepisce 2 prestazioni, il 6,7% 3 prestazioni e l'1,3% 4 o più prestazioni.

LEGGI ANCHE Pensioni, si vive un mese in più ma l'età per uscire non cambia

Mentre la spesa pensionistica è sotto controllo (225,5 miliardi nel 2018) appare "sempre più insostenibile" il costo delle attività assistenziali a carico della fiscalità generale che si attesta a 105,6 miliardi di euro nel 2018, (+4,3% annuo dal 2008) ed in aumento verso quota 110 miliardi nel 2019.

Nel 2018, l'insieme delle sole prestazioni assistenziali (prestazioni per invalidi civili, indennità di accompagnamento, pensioni e assegni sociali e pensioni di guerra) totalmente a carico della fiscalità generale ha riguardato 4.121.039 soggetti, 38.163 in più rispetto allo scorso anno, per un costo complessivo di 22,350 miliardi, importo in costante aumento nel corso degli ultimi 8 anni. I beneficiari di prestazioni totalmente o parzialmente assistite sono 7.889.693, vale a dire il 49,3% dei pensionati totali.

LEGGI ANCHE Pensione flessibile, si tratta sulle penalità per chi esce: le ipotesi per superare quota 100

"Fa oggettivamente riflettere che un Paese appartenente al G7 come l'Italia abbia quasi il 50% di pensionati totalmente o parzialmente assistiti (soggetti che in 66 anni di vita non sono riusciti a versare neppure 15/17 anni di contributi regolari) - ha commentato Alberto Brambilla, Presidente del Centro Studi e Ricerche Itinerari Previdenziali - perchè questa situazione non sembra corrispondere alle effettive condizioni economiche italiane, tanto più che, a differenza delle pensioni finanziate da imposte e contributi, queste prestazioni gravano per 33,4 miliardi sulla fiscalità generale e non sono neppure soggette a imposizione fiscale. Il nocciolo del problema - prosegue - è che mentre le prestazioni previdenziali sono state ridotte a mezzo di stringenti riforme che hanno comunque colto l'obiettivo di stabilizzare la spesa, quelle assistenziali continuano ad aumentare sia per le continue "promesse" politiche sia per l'inefficienza della macchina organizzativa, priva di un'anagrafe centralizzata e di un adeguato sistema di controlli".

Ultimo aggiornamento: 18:52 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci