Lagarde: «Aumento dei tassi necessario anche per l'Italia»

Lunedì 20 Giugno 2022
Lagarde: «Aumento dei tassi dipende dall'inflazione, incremento maggiore a settembre»

«La misura dell'aumento dei tassi dipenderà dalle prospettive aggiornate dell'inflazione a medio termine. Se le prospettive di inflazione a medio termine persistono o peggiorano, un incremento maggiore sarà appropriato nella nostra riunione di settembre». Lo dice la presidente della Bce, Christine Lagarde, in audizione alla commissione Economica del Parlamento europeo.

 

«Dopo settembre, sulla base della nostra attuale valutazione, prevediamo che sarà appropriato un percorso graduale ma sostenuto di ulteriori aumenti dei tassi di interesse». Precisa la presidente della Bce. «In linea con il nostro impegno per il nostro obiettivo di medio termine del 2%, il ritmo con cui adegueremo la nostra politica monetaria dipenderà dai dati in arrivo e da come valuteremo l'andamento dell'inflazione a medio termine», sottolinea.

 

 

«Aumento tassi necessario in Italia»

«Abbiamo individuato un percorso di normalizzazione, del tutto legittimo e necessario, citando il mio collega della Banca d'Italia, Ignazio Visco». Lo ha detto la presidente della Bce, Christine Lagarde, rispondendo a una domanda dell'eurodeputato tedesco Guennar Beck circa l'opinione del consigliere del premier Draghi, Francesco Giavazzi, secondo il quale l'aumento dei tassi di interesse sarebbe lo strumento sbagliato contro l'inflazione. «Ognuno ha la sua opinione su quale sia lo strumento giusto e quali siano i tempi giusti, ma c'è solo un'istituzione responsabile della politica monetaria ed è la Bce», ha evidenziato Lagarde.

 

Scudo anti-spread

«I lavori» per la creazione di uno scudo anti-spread «è in corso». Lo ha detto la presidente della Bce, Christine Lagarde, in audizione alla commissione Economica del Parlamento europeo. «Se il rischio di frammentazione si presenterà, sarà affrontato con gli strumenti adeguati, la flessibilità adeguata» e la risposta «sarà efficace, proporzionata e nei termini del nostro mandato», ha sottolineato. «Rispetto le vostre domande, il lavoro è in corso in questo momento, chiunque dubiti della nostra determinazione farebbe un terribile errore», ha aggiunto.

 

Flessibilità Bce

La Bce deve usare la «flessibilità» per «garantire una corretta trasmissione della politica monetaria» tra i Paesi dell'Eurozona ed «evitare un rischio di frammentazione». Lo ha detto la presidente della Bce, Christine Lagarde, rispondendo alle domande degli eurodeputati in audizione alla commissione Economica del Parlamento europeo. L'impiego di strumenti «anti-frammentazione», ha spiegato, è «una condizione preliminare per la corretta trasmissione della politica monetaria e, a coloro che sono preoccupati che ciò possa essere al di fuori del mandato, dico che è proprio al centro del mandato».

 

Salari

«I salari hanno cominciato a crescere, ma questa crescita resta moderata. Ci aspettiamo che la crescita salariale negoziata si rafforzi leggermente ulteriormente nel 2022 e poi rimanga al di sopra dei livelli medi per l'orizzonte di proiezione, supportata da mercati del lavoro rigidi, aumenti dei salari minimi e alcuni effetti di compensazione per gli elevati tassi di inflazione». Ha aggiunto Christine Lagarde.

 

 

Caro energia

«L'attività dell'area euro è frenata dagli elevati costi energetici, dall'intensificarsi delle interruzioni delle catene di approvvigionamento e dalla maggiore incertezza» portata dalla guerra della Russia in Ucraina. Sottolinea la presidente della Bce.

Ultimo aggiornamento: 18:10 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci