Ita, ecco il contratto di piloti e assistenti di volo: «Stipendi in linea con quelli del Ccnl»

Martedì 21 Settembre 2021 di Rosario Dimito
Ita, ecco il contratto di piloti e assistenti di volo: «Stipendi in linea con quelli del Ccnl»

Premio di risultato del 33% della retribuzione fissa lorda costituita da stipendio base, IVMG (indennità di volo minima garantita) e Superminimo assorbibile, ove presente, per il personale di volo; del 12% della retribuzione fissa lorda costituita da stipendio base conglobato, scatti di anzianità e superminimi individuali, per il personale di terra. Ita ha iniziato le assunzioni dei 2.800 dipendenti in vista del decollo il 15 ottobre, sulla base di un regolamento aziendale, frutto della decisione unilaterale presa dopo la rottura con i sindacati che sta provocando proteste diffuse. Tutti saranno ingaggiati con anzianità zero.

 

Alitalia-Ita, manifestazione alla sede di Roma: sindacati contro nuovo contratto

 

Ita, il contratto di piloti e assistenti di volo

«Il Regolamento troverà applicazione sino alla eventuale finalizzazione del percorso di condivisione della disciplina collettiva applicabile al personale di ITA e, sino a quel momento, potrà essere in qualsiasi momento unilateralmente integrato, modificato e/o sostituito dalla Compagnia», si legge nelle 93 pagine del testo del contratto che i neoassunti stanno firmando e che dimostra come la Newco non abbia del tutto chiuso la porta a una ripresa del dialogo con i rappresentanti dei lavoratori.

 

 

 

«Entro il mese di Ottobre 2022, sulla base dei dati relativi al complessivo andamento aziendale, ITA incontrerà nuovamente le Organizzazioni Sindacali e le Associazioni Professionali per illustrare l’andamento dei parametri utili all’erogazione del Premio di Risultato con la disponibilità ad un confronto finalizzato alla condivisione delle regole collettive applicabili al personale».  Tra personale di volo e personale di terra il comune denominatore della retribuzione, sia pure variabile, è rappresentato dal sistema premiante.

 

Il dettaglio

Entrando nel dettaglio delle modalità, per essere assunti fra i comandanti, piloti, assistenti di volo è richiesta la buona conoscenza, scritta e parlata, della lingua italiana ed inglese, conformemente ai livelli definiti internazionalmente (ICAO: 4 per l’italiano, 4 per l’inglese). Il Personale Navigante Tecnico ha l’obbligo di domicilio entro 50 chilometri dal comune dove è collocata la sua base di servizio. L’assunzione dei piloti può avvenire con un periodo di prova non superiore a sei mesi di effettiva prestazione di lavoro. Fermo restando il limite di cui sopra, nel caso in cui l’assunzione avvenga con contratto a termine la durata del patto di prova non potrà comunque eccedere il limite di 1/3 della durata del contratto. In caso di contratti a termine successivi, costituiti per un numero superiore a due con medesime mansioni non sarà prevista l’apposizione del patto di prova.

 

 

Il periodo di prova deve risultare dalla lettera di assunzione. Previste assunzioni a tempo determinato e a tempo parziale. I gradi dei Personale Navigante Tecnico sono i seguenti: Comandante Senior, Comandante, Primo Ufficiale, Pilota di 1ª, Pilota di 2ª. I comandanti e piloti hanno diritto a ferie annuali nella misura di quattro settimane di calendario che verranno maturate pro rata su base mensile; la frazione di mese pari o superiore a 15 gg. è considerata a questo fine come mese intero. Le ferie assorbono nel periodo di godimento le festività, i riposi ed i “giorni di flessibilità” mensili. Contro i rischi di volo, la Compagnia assicura i comandanti per 309.874,13 euro in caso di morte, i piloti per 206.582,75 euro. Anche per gli assistenti di volo L’assunzione può avvenire con un periodo di prova non superiore a sei mesi di effettiva prestazione di lavoro e con contratti a tempo determinato e parziale. Il Personale Navigante di Cabina ha diritto a ferie annuali nella misura di quattro settimane di calendario che verranno maturate pro rata su base mensile; la frazione di mese pari o superiore a 15 gg. è considerata a questo fine come mese intero.

Le ferie assorbono nel periodo di godimento le festività, i riposi ed i “giorni di flessibilità” mensili. In caso di morte c’è una polizza di 154.937,00 per assistenti di volo con anzianità superiore a 18 mesi, di 87.798,00 per coloro che hanno meno. In partenza lo stipendio base del capo cabina senior è di 602,66 euro più 309,75 di indennità volo minima garantita per 13 mesi. Per chi ha 24 mesi di anzianità stipendio base di 1126,74 più 881,39 euro di indennità per 13 mesi. Lo stipendio dell’assistente di volo varia tra 548,19 e 1086,89 più le indennità minime (191,02-707,92 euro). 

Ultimo aggiornamento: 19:05 © RIPRODUZIONE RISERVATA