Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Gas, l’Europa punta al tetto sul prezzo. E l’Olanda ora apre

Spinta di Italia, Francia, Spagna e Grecia contro la speculazione sul metano russo

Venerdì 24 Giugno 2022 di Gabriele Rosana
Gas, l Europa punta al tetto sul prezzo. E l Olanda ora apre

Francia, Spagna, Grecia. E la Germania in avvicinamento costante. In Europa si costruisce un consenso ampio sul tetto al prezzo del gas all’ingrosso proposto dall’Italia. L’obiettivo è di vincere le ultime resistenze, in particolare olandesi, e fare presto, per arrivare a una decisione prima dell’estate. La discussione sull’energia non era inserita formalmente all’ordine del giorno del summit dei leader che si è aperto ieri a Bruxelles, dominato dalla concessione dello status di Paesi candidati a Ucraina e Moldavia e dalla questione allargamento, ma ha finito per monopolizzare gli incontri bilaterali, a cominciare da quello tra Mario Draghi e Emmanuel Macron, così come gli scambi a latere fra i capi di Stato e di governo. 

Crisi del gas, corsa al carbone. Terza proroga al taglia-bollette

Fino a essere messa nero su bianco in un nuovo rafforzato paragrafo nel capitolo delle conclusioni del vertice dedicato all’economia di cui si parlerà oggi nel secondo giorno di summit: nel testo, la Russia viene accusata di usare non solo il grano, ma pure le forniture di gas come «un’arma» d’aggressione, facendo aumentare i prezzi e continuando a incassare i pagamenti nonostante la parallela riduzione dei volumi.


L’OBIETTIVO
Dietro c’è un piano preciso: chiedere al presidente del Consiglio europeo Charles Michel (a cui spetta la decisione finale) la convocazione di un nuovo summit straordinario entro metà luglio - come prevede la proposta avanzata dall’Italia e sostenuta, tra gli altri, anche da Parigi e Atene -, così da accelerare sul dossier e mettere pressione all’esecutivo Ue in modo che presenti lo studio di fattibilità sul “price cap” temporaneo da mettere in campo in caso di interruzione delle forniture di gas prima di quella data. I leader tornano quindi a incalzare la Commissione, ricordando il mandato di tre settimane fa: è il riferimento, mediato, al tetto temporaneo discusso allo scorso vertice tra le possibili misure per contenere i prezzi dell’energia e mantenerli accessibili per tutti. «I tagli di Gazprom non sono passati inosservati», facevano notare fonti diplomatiche alla vigilia del summit, spiegando che l’istituzione di un tetto al prezzo del metano sarebbe un’iniziativa non solo per frenare la speculazione e le quotazioni alle stelle, ma pure per tornare a colpire Mosca con un provvedimento che, in fin dei conti - evidenziano a Bruxelles -, segue lo spirito delle sanzioni adottate finora per porre un freno alle entrate della Russia.  Non tutti gli esecutivi sono però a bordo, e la tela diplomatica continua a essere intessuta.
 

 


LE POSIZIONI
La Germania, dopo settimane di scetticismo, sarebbe ora disponibile a valutare il “price cap” (Draghi ha insistito sul punto con Olaf Scholz una settimana fa, durante il viaggio a Kiev), ma in particolare i Paesi Bassi, spalleggiati dal Lussemburgo, si fanno notare tra coloro che puntano ancora i piedi. Non una novità per il premier olandese Mark Rutte, che in più di dieci anni ha consolidato la fama di falco in Europa. Ma è stato Rutte stesso a segnalare un, seppur millimetrico, avvicinamento delle posizioni: «Non siamo contrari in linea di principio», ha detto a microfoni aperti, senza chiudere la porta. Il tetto «è in fase di valutazione». «Tuttavia, sulla base delle prove che abbiamo, pensiamo che potrebbe non funzionare come alcuni pensano». Tra le ragioni alla base della resistenza olandese, fonti Ue citano soprattutto il timore che un prezzo regolamentato possa «peggiorare la situazione già perturbata sui mercati». Al contrario, l’Italia e l’asse del Sud che spinge per il prezzo regolamentato sono convinti che la misura sarebbe un deciso freno alla speculazione in atto e alla possibilità per Mosca di manipolare i prezzi a proprio favore. Intanto ieri la Ue e la Norvegia hanno annunciato che intensificheranno la cooperazione per aumentare le forniture di gas a breve e lungo termine con l’obiettivo di abbassare i prezzi.

Ultimo aggiornamento: 12:48 © RIPRODUZIONE RISERVATA