Facebook copia un'app italiana, condannata a risarcire società milanese

Facebook copia un'app italiana, condannata a risarcire società milanese
Ha rubato l'idea a un'app italiana e ora Facebook dovrà pagare pegno: deve risarcire con 350mila euro una società dell'hinterland milanese di sviluppo software, la Business Competence, dalla quale, secondo i giudici, il gigante di Menlo Park ha copiato Faround, un'applicazione che propone agli utenti bar e ristoranti di loro interesse e vicini ai luoghi in cui si trovano.

LEGGI ANCHE Facebook, conti sopra le attese dopo la maxi multa

A stabilirlo è la Sezione specializzata in materia di impresa del Tribunale di Milano nel procedimento sulla quantificazione del danno, dopo che già in primo grado e poi in appello nel merito l'azienda di Cassina dè Pecchi, con l'avvocato e professore Marco Spolidori, aveva vinto la battaglia legale. Non è escluso, ad ogni modo, che la stessa Business Competence presenti ricorso contro il risarcimento ritenendo la cifra decisa dai giudici troppo bassa, anche perché, come si legge nella sentenza, i presunti danni erano stati valutati dai consulenti dell'azienda per un ammontare che raggiungeva anche i 18 milioni di euro. I giudici  hanno scelto, però, di svolgere «proprie autonome valutazioni» sulla determinazione dell'importo, «secondo criteri e modalità di estrema prudenza, rese necessarie» dal «quadro assolutamente astratto e sostanzialmente discrezionale dei criteri e dei valori selezionabili». E dalla «necessità di contenere la presunta vita utile di Faround», questo il nome dell'applicazione inventata dall'azienda italiana, «in termini temporali nettamente più ristretti», ossia con «l'ipotesi di una vita commercialmente utile di Faround delimitata a due anni». Facebook era già stato condannato in appello sul merito nella causa civile per violazione del diritto d'autore e concorrenza sleale.

LEGGI ANCHE Facebook acquista Masquerade e sfida Snapchat

Nell'ottobre 2012 la piccola azienda italiana aveva ideato e lanciato la app Faround, solo due mesi prima che la società di Mark Zuckerberg aveva proposto agli utenti di scaricare la sua Nearby. Un'applicazione quest'ultima che, però, per Business Competence, che ha deciso di portare in Tribunale il colosso Usa, era identica alla propria per «concept e format», ad eccezione soltanto degli aspetti grafici. Una tesi condivisa dai giudici. Come si legge nella sentenza non esistono prove che «Nearby Places sia stata sviluppata in modo autonomo da Facebook rispetto a Faround». Da qui, a detta dei giudici, la conseguente «appropriazione parassitaria di investimenti altrui per la creazione di un'opera dotata di rilevante valore economico». Oggi è arrivata la decisione sulla quantificazione del danno in primo grado. I giudici hanno disposto a carico di Facebook anche 90mila euro di spese legali a favore della società italiana e il rimborso dei consulenti tecnici della stessa azienda.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 17 Settembre 2019, 17:02






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Facebook copia un'app italiana, condannata a risarcire società milanese
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti