Ecobonus auto usate, da martedì 28 settembre via prenotazioni per incentivo fino a 2mila euro: a chi spetta e come fare

Sabato 25 Settembre 2021
Incentivi per comprare l'auto usata, da martedì via alle prenotazioni per l'ecobonus

Quaranta milioni di euro per ringiovanire il parco circolante (quasi due terzi ha oltre 11 anni di anzianità di servizio) e per rilanciare il mercato dell'usato, per il quale in agosto l'Automobil Club d'Italia ha contabilizzato una flessione del 6,8%. La cifra è quella stanziata dal Governo e messa a disposizione dei concessionari attraverso il Ministero dello Sviluppo Economico a partire dalle 10 di martedì 28 settembre.

 

Bonus bollette, chi può ottenerlo e quali le procedure da attivare per scongiurare gli aumenti

 

Ecobonus auto usate, prenotazioni da martedì

I rivenditori potranno prenotare gli incentivi per i veicoli di “seconda mano” di classe non inferiore all'Euro 6, fissati in tre livelli. Si comincia dai 750 euro previsti per quelli con emissioni di Co2 tra i 91 e i 160 g/km e si prosegue con i 1.000 attribuiti alle macchine con emissioni di Co2 tra i 61 e i 90 g/k. Il contributo più alto, 2.000 euro, va alle auto più ecologiche, ossia con emissioni omologate tra 0 e 60 g/km, cioè elettriche e ibride plug-in. Il sito di riferimento è: ecobonus.mise.gov.it.

 

Gli incentivi

Gli incentivi alla conversione sono vincolati non solo alla classe di appartenenza. Il Governo ha disposto anche che il prezzo di acquisto non dovrà superare i 25.000: questo parametro è legato alle quotazioni medie dell'auto. L'ecobonus può venire richiesto solo se il veicolo appartiene alla stessa categoria di quello che viene rottamato, che deve peraltro avere almeno 10 anni di anzianità (fa testo la data di prima immatricolazione).

 

I paletti

Un'ulteriore restrizione riguarda la proprietà: per beneficiare del contributo, la vettura che viene restituita deve essere intestata da almeno 12 mesi all'acquirente o a un suo familiare convivente. L'esecutivo prova così a evitare speculazioni per agevolare soprattutto gli automobilisti con entrate contenute, per i quali l'accesso ai più tecnologici e più costosi veicoli alla spina – elettrici o ibridi che siano – è economicamente più complesso.

 

 

 

Ultimo aggiornamento: 27 Settembre, 07:38 © RIPRODUZIONE RISERVATA