Def, ok Cdm: Pil fermo, nodo debito. No all'aumento Iva, si va verso la flat tax. Paletti Tria a Di Maio-Salvini

PER APPROFONDIRE: def, flat tax, irpef, iva
Def oggi in Cdm, verso due aliquote Irpef al 15 e 20%
Tre ore di braccio di ferro. Tre ore di crudo «bagno di realtà» a base di cifre e proiezioni per Luigi Di Maio e Matteo Salvini. Il Def che il governo vara dopo un lungo vertice e un breve Consiglio dei ministri certifica un dato: così come sui rimborsi ai risparmiatori, passa la linea del ministro del Tesoro, Giovanni Tria. Una linea che costringe il M5S e la Lega a un evidente passo indietro, rispetto all'autunno, sulle prospettive di crescita. Pochi annunci roboanti, insomma, tanto che, cosa mai avvenuta negli ultimi anni, al varo del Def non segue neppure una conferenza stampa.

A preoccupare i due partiti, alle soglie di una combattuta campagna elettorale, è lo spettro dell'Iva e delle difficoltà a disinnescare un aumento da 23 miliardi. O si fa la flat tax e si abbassano le tasse, oppure si sterilizza l'Iva: è questa l'alternativa che Tria avrebbe ventilato ai due vicepremier, nella riunione preparatoria del Def. Le fonti ufficiali non confermano. Ma esiste il rischio che per abbassare le tasse si debba aumentare almeno in parte l'imposta sul valore aggiunto. Certo, non è questo il momento di decidere: è tema da manovra. Ma il ministro dell'Economia - che non avrebbe voluto inserire la flat tax nel Documento - avrebbe ribadito con forza l'impossibilità di varare una manovra che con entrambe le opzioni lieviterebbe tra i trenta e i quaranta miliardi, sforando ogni parametro Ue. Intanto rimangono in stand by le norme sul rimborso dei risparmiatori truffati in attesa di una ultima rifinitura con Giuseppe Conte a Palazzo Chigi.



La bozza del Def: CLICCA QUI per il Pdf


Il Cdm viene preceduto da una riunione di circa due ore tra il premier Giuseppe Conte, i due vicepremier, il titolare del Mef e i suoi due vice, il ministro per i Rapporti con il Parlamento Riccardo Fraccaro e il sottosegretario Giancarlo Giorgetti. Sul tavolo ci sono le condizioni dell'economia globale e italiana e un Def che non può non tenerne conto: il ministro resiste agli ultimi tentativi di far salire di un paio di decimali, dallo 0,2% allo 0,4%, il dato programmatico. I numeri realistici del Documento programmatico, tra l'altro, non possono che essere ben accolti dal Quirinale, che già da tempo monitora con attenzione la sostenibilità delle misure giallo-verdi da mettere in campo con una congiuntura economica a dir poco fosca. E, per la prima volta nell'era giallo-verde, a spuntare in Cdm è anche il grande nodo dell'aumento dell'Iva. Fonti della maggioranza M5S ammettono che, nel corso del pomeriggio, il tema emerge, innescando una certa tensione nel governo. Fonti della Lega, al contrario, parlano di clima pacifico e negano qualsiasi scontro. Ma sull'Iva Di Maio e Salvini si ritrovano sulla stessa linea: aumentarla è un'ipotesi che non esiste.

E, sopratutto, è un'ipotesi che con la campagna per le europee alle porte né Di Maio, né Salvini possono permettersi. Il leader della Lega, non a caso, a fine Cdm sottolinea l'inserimento della Flat Tax nel Def e mette in chiaro un punto: su quota 100 non si torna indietro. Passaggio non marginale, quest'ultimo, visto che nel pomeriggio più di un esponente del Movimento osservava come l'impatto di quota 100 sulla crescita sia pari a zero laddove le tabelle del Def indicano, sul medio periodo, un effetto positivo del reddito di cittadinanza. Nel giorno in cui il Fondo monetario internazionale cita l'economia italiana tra i rischi globali, al pari della Brexit, è la narrazione a mancare al governo gialloverde. L'operazione verità di Tria va in porto. Arriveranno le rassicurazioni: la convinzione espressa da Conte a più riprese è che la seconda metà dell'anno sarà più positiva. Salvini a fine giornata si dice, con una breve nota, soddisfatto dall'impostazione del Def. Di Maio annulla un'intervista tv. Non è il momento di alimentare - ragionano nella maggioranza - altre tensioni con Tria sui temi economici, soprattutto in campagna elettorale.

 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 9 Aprile 2019, 13:31






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Def, ok Cdm: Pil fermo, nodo debito. No all'aumento Iva, si va verso la flat tax. Paletti Tria a Di Maio-Salvini
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti