Lavoro, Brunetta: «Un mese e arriva il contratto da remoto, siamo in un momento magico»

Sabato 18 Settembre 2021
Lavoro, Brunetta: «Un mese e arriva il contratto da remoto, siamo in un momento magico»

«Un mese, e il contratto è fatto». Così il ministro per la Pubblica amministrazione Renato Brunetta parla - al festival dell'Innovazione, organizzato da Il Foglio - dell'arrivo del contratto sul lavoro da remoto, facendo presente che si tratterà della «parte normativa», e sarà un «pacchetto parallelo» a quello del lavoro in presenza. La decisione di «mettere tutti i lavoratori della Pa in cosiddetto smart working» è stata «un'idea intelligente» ma «non c'era un contratto - ha proseguito Brunetta -, non c'era l'organizzazione del lavoro, non c'era la piattaforma tecnologica» e per «questo mi sono arrabbiato, si voleva far diventare questa esperienza un modello» e «allora mi sono detto di fare innanzitutto un contratto e tra un mese per la prima volta ci sarà un vero contratto per il lavoro agile».

Smart working, come cambia per statali e privati con il Green pass obbligatorio. Per chi scattano le sanzioni?

Statali e smart working, i No vax non potranno scegliere di lavorare a casa

«Stiamo vivendo un momento magico. Stiamo crescendo al 6%, e forse vi dò piccola notizia: anche di più; se strategia del green pass funziona e se questa onda, come dice il presidente Draghi, significa riaprire, noi viaggiamo verso il 7%». È una congiuntura astrale strepitosa - ha osservato  Brunetta - questa cosa però non può essere fiammata, deve essere strutturale. Io ho questo numero in testa 7 anni, che guarda caso è anche la durata del mandato del presidente della Repubblica».

 

 

Ultimo aggiornamento: 12:31 © RIPRODUZIONE RISERVATA