Confcommercio, italiani ancora dubbiosi sulla ripresa economica: tasse e prezzi frenano famiglie e imprese

Lunedì 11 Ottobre 2021
Confcommercio, italiani ancora dubbiosi sulla ripresa economica: tasse e prezzi frenano famiglie e imprese

L'incertezza frena ancora la ripresa, con famiglie e imprese che temono aumenti di tasse e dei prezzi. È quanto emerge da un'indagine di Confcommercio, in collaborazione con Metrica Ricerche, sul sentimento di famiglie e imprese sugli ultimi mesi del 2021. Da qui alla fine dell'anno, le imprese sono più ottimiste (42,7%) rispetto alle famiglie (24,3%). Ma se le imprese prevedono un miglioramento della propria attività (61%) e più investimenti (una su tre), le famiglie temono un possibile calo dei redditi (per l'80%) e dei risparmi (68,5%), prevedendo consumi sostanzialmente stabili (75,5%) e prudenza per viaggi, vacanze, tempo libero.

Pensioni più alte dal 2022, aumenti medi di 300 euro (grazie al balzo dell'inflazione)

Il confronto appare chiaro da un primo grafico nel quale interrogate sulla ripresa economica le famiglie indicano nel 29% di avere una fiducia molto o abbastanza bassa, contro il 7,1% delle imprese. La maggioranza teme ancora grande incertezza (50,2% per le imprese, il 46,7% per le famiglie) mentre ad essere ottimiste sul breve futuro sono il 42,7% delle imprese contro il 24,3% delle famiglie. Tra i maggiori ostacoli alla ripresa le famiglie indicano al primo posto l'aumento delle tasse, seguito da quello dei prezzi e dalla perdita deil posto di lavoro, per poi seguire con la situazione sanitaria e il calo dei redditi.

Anche le imprese mettono al primo posto l'aumento delle tasse, seguito al secondo dal calo dei redditi delle famiglie e al terzo dell'aumento dei prezzi delle materie prime. Del resto le imprese, anche se con cautela, iniziano a vedere la fine del tunnel. C'è un 6,8% che prevede addirittura un forte miglioramento, ma anche un 60,9% che vede una progressione positiva lenta ma costante. Certo rimane un 30,5% che segnala una situazione di stabilità e un 1,5% che vede un peggioramento.

Il clima positivo si riversa anche sugli investimenti (il 33,8% li prevede in crescita) e un pò meno sull'occupazione (solo il 18,9% indica una ripresa, contro un 75,4% che barra la casella della stabilità. Diversa è la posizione delle famiglie. Sull'andamento dei redditi e di consumi l'ago pende negativamente: per i primi l'80% delle famiglie indica stabilità o calo, un dato che si contrappone ad un 20% che ipotizza una crescita. Anche i risparmi sono previsti dal 68,5% in calo o stabili. Anche i consumi negli ultimi mesi dell'anno risentiranno di questi timori con prevalenza di stabilità nella spesa per beni e servizi (esclusi gli alimentari) per il 75,5% delle famiglie e sostanziale parità tra chi prevede un aumento (12,3%) e chi un calo (12,2%). Quanto alle tipologie di acquisti, i maggiori cali riguardano il comparto turistico (viaggi e vacanze segnano un -29%), quello del tempo libero (spettacoli, concerti, partite allo stadio con -24,5%) e l'acquisto di auto e moto (-24,6%). Tra i canali di acquisto, online (+3,1%) e grande distribuzione organizzata (+2%) si confermano tra le modalità preferite dai consumatori, mentre i negozi tradizionali segnano un calo del 4% e particolarmente penalizzati appaiono gli acquisti nelle grandi catene (-9,1%)e nei centri commerciali (-11,3%).

Ultimo aggiornamento: 10:29 © RIPRODUZIONE RISERVATA