Colf e badanti, come cambiano gli stipendi nel 2023? Il nuovo superminimo (e chi dovrà adeguare la busta paga)

Le famiglie devono capire se la differenza tra la retribuzione versata e paga base "assorbe" gli aumenti

Lunedì 23 Gennaio 2023
Colf e badanti, come cambiano gli stipendi? I nuovi minimi e chi dovrà aumentare la busta paga

Potrà costare fino a 1.384 euro al mese avere una badante formata convivente livello D super (per una persona non autosufficiente) oltre a 194 euro di indennità e la quota di mensilità aggiuntive quali tredicesima e Tfr. Per le famiglie italiane la spesa per le assistenti familiari - secondo le tabelle pubblicate dal ministero del Lavoro dopo il mancato accordo tra datori di lavoro domestico e sindacati della scorsa settimana - aumenteranno del 9,2% per le retribuzioni minime contrattuali e dell'11,5% per vitto e alloggio, ovvero rispettivamente dell'80% e del 100% della variazione del costo della vita per le famiglie di impiegati ed operai rilevate dall'Istat. Le variazioni partiranno dal 1 gennaio 2023 e dalla stessa data dovrebbero essere aggiornati i valori dei contributi che secondo l'Assindatcolf dovrebbero crescere di circa l'8%.

Colf e badanti, cambiano gli stipendi

Per una badante non formata di persona non autosufficiente ci vorranno almeno 1.120 euro al mese oltre a quote di tredicesima e Tfr mentre per il livello A (assistente familiare generico convivente, ad esempio addetto alle sole pulizie) basteranno 725 euro. Se si ha bisogno di una baby sitter o di una assistente di persone autosufficienti (livello BS) la retribuzione minima contrattuale mensile sarà di 988,90 euro mentre per un assistente con specifiche conoscenze di base (ad esempio un cuoco), livello C ci vorranno almeno 1.054,85 euro oltre alle quote delle mensilità aggiuntive. Per i lavoratori domestici non conviventi la retribuzione oraria minima andrà da 5,27 euro per il livello A (colf generica) a 9,36 euro l'ora per l'assistente familiare D super passando per la retribuzione oraria minima per la baby sitter di 6,99 euro. 

Pensioni, rivalutazione assegni più bassa di quanto i pensionati devono versare a colf e badanti

Nel caso di persone non autosufficienti le famiglie dovranno mettere in programma però spese molte più alte perché oltre alla retribuzione per la badante e ai contributi dovranno considerare anche le sostituzione nei giorni di riposo e nelle ferie oltre all'assitenza notturna. Per l'Assindatcolf per la figura professionale più formata e qualificata del comparto la famiglia potrebbe spendere fino a quasi 2mila euro al mese senza considerare le sostituzioni. Dall'Associazione però fanno sapere che la maggior parte dei contratti per le badanti riguardano i livelli CS ovvero quelli per le assistenti che seguono persone non autosufficienti senza avere le abilitazioni per un totale mensile compresi i contributi che supera i 1.500 euro.

 

Ultimo aggiornamento: 22:28 © RIPRODUZIONE RISERVATA