Bonus casa, dai pannelli al mini-eolico: ecco tutti gli incentivi per tagliare la bolletta

Sabato 21 Maggio 2022
La spinta al fotovoltaico servirà a tagliare la bolletta e diversificare il mix energetico dell'Italia

La lotta al caro-energia del governo è ancora in pieno svolgimento. Ma accanto agli sforzi per spingere la diversificazione del mix energetico del nostro paese dal gas russo continua la spinta verso le energie rinnovabili. Così si spiegano anche gli ultimi incentivi per l’installazione di pannelli solari su tetti e pertinenze di casa e nei condomini. Oltre ai bonus edilizi e alle tariffe incentivanti, i nuovi decreti del governo prevedono ulteriori semplificazioni per installare pannelli fotovoltaici e impianti solari per la produzione di energia rinnovabile. basterà un Modello unico, lo stesso previsto per le manutenzioni ordinarie, per mettere un pannello sul tetto.

Perché Finlandia e Svezia entreranno nella Nato? Percorsi differenti ma tre obiettivi comuni

COME FUNZIONANO

Per agganciare l’installazione dei pannelli fotovoltaici e solari a costo zero si può ricorrere al Superbonus, purchè queso si associ almeno un intervento trainante al progetto di riqualificazione. In questo modo di ottiene il rimborso del 110% della spesa sostenuta sotto forma di detrazione (in cinque rate annuali di pari importo), sconto in fattura o di credito d’imposta, da cedere anche alla ditta che esegue i lavori o alla banca. Ma il pannello solare termico per la produzione di acqua calda sanitaria e il pannello fotovoltaico per produrre energia elettrica porta anche un bel risparmio in bolletta, soprattutto rispetto ai prezzi stellari raggiunti dal gas dal luglio del 2021. Per i condomini e gli edifici plurifamiliari, sulle parti comuni, i tempi sono ampi in virtù della proroga concessa dal governo. Ma anche per le mono-familiari (villette), è arrivata in extremis la proroga al 30 settembre 2022 per la realizzazione del 30% dell’intero progetto (primo SAL) come requisito di accesso al Superbonus 110, che per questi immobili scade il 31 dicembre 2022.

Bonus condizionatori 2022: come si ottiene (vale per famiglie e aziende) e a quanto ammonta

COME FUNZIONANO

Dunque è possibile sfruttare l’agevolazione per installare i pannelli solari seguendo due vie: il bonus ristrutturazione e il Superbonus 110%. Grazie al bonus ristrutturazione, la spesa per l’installazione dei pannelli solari non può essere superiore a 96 mila euro: la relativa detrazione al 50% viene recuperata in quote annuali di pari importo per un periodo di 10 anni. Sfruttando, invece, il Superbonus 110% è possibile installare pannelli solari (con i relativi sistemi di accumulo dell’energia) e ottenere una detrazione superiore alla precedente, ma occorre affiancare a questi lavori anche altri interventi di efficientamento energetico. La detrazione si potrà recuperare in quote annuali di pari importo per i successivi 5 anni.

 

ECOBONUS, DETRAZIONE DAL 50% AL 65%

Nel pacchetto dei bonus energie rinnovabili rientra anche l’Ecobonus casa, con detrazioni al 50% o al 65%. Tra gli interventi ammessi per ottenere la detrazione rientrano l’installazione di pompe di calore ad alta efficienza energetica, microgeneratori, oppure collettori solari termici. Tutti questi lavori sono agevolabili nella misura del 65%. Alternativamente alla detrazione fiscale in dichiarazione dei redditi, è possibile optare per lo sconto in fattura applicato direttamente dalla ditta che si occupa dei lavori, oppure per la cessione del credito.

Auto, gli ecoincentivi freneranno il crollo delle vendite, ma ormai il mercato è cambiato

SUPERBONUS AL 110%

Infine, il Superbonus 110% è un’agevolazione che rientra tra i bonus energie rinnovabili, in quanto ha come obiettivo l’aumento dell’efficienza energetica degli edifici. E infatti, uno dei requisiti fondamenti del Superbonus riguarda l’avanzamento di almeno due classi energetiche rispetto a quella di partenza. Per installare i pannelli fotovoltaici sfruttando il Superbonus, però, è necessario affiancare anche altri lavori considerati trainanti: per esempio, l’isolamento termico o la sostituzione di impianti di climatizzazione. Eseguito almeno uno degli interventi trainanti, si avrà accesso anche ai lavori trainati, che comprendono appunto la posa dei pannelli solari con relativi sistemi di accumulo. Anche sul Superbonus si applicano le medesime soluzioni previste per la precedente agevolazione: la detrazione in dichiarazione, lo sconto in fattura, oppure la cessione del credito.

IL MINI EOLICO

Un’altra agevolazione interessante per tutti i contribuenti che intendono sfruttare le energie rinnovabili per produrre energia è il kit mini eolico. Di che cosa si tratta? Ci sono due possibili soluzioni tra le quali scegliere. Grazie a una piccola turbina con potenza pari a 100 kW è possibile produrre energia sfruttando la ventilazione. Il costo di questa soluzione è pari a circa 2 mila euro, oltre alle spese per l’installazione e la manodopera stessa. In alternativa, è possibile installare un aerogeneratore con una potenza compresa tra 1 e 6 kW. Il costo, in questo caso, è piuttosto basso (circa 200 euro), ma anche la produzione di energia sarà limitata.

 

Ultimo aggiornamento: 21:31 © RIPRODUZIONE RISERVATA