Bonus 150 euro per redditi fino a 20.000 euro, incentivi anti-bollette per bar e ristoranti: le novità del Decreto aiuti ter

Quattordici miliardi per aiutare famiglie e imprese contro il caro bollette. Sale tetto Isee per “bonus sociale” luce e gas

Venerdì 16 Settembre 2022 di Marta Giusti
Bonus 150 euro per redditi fino a 20.000 euro, incentivi anti-bollette per bar e ristoranti: le novità del Decreto aiuti ter

La dote del decreto aiuti ter  - che ha ricevuto l'ok all'unanimità del Cdm - è salita a 14 miliardi e nei piani del governo aiuta famiglie e imprese ad affrontare il caro bollette di questi mesi. Di questi 6,2 miliardi arrivano da maggiori entrate che possono utilizzare subito dopo l'autorizzazione del Parlamento. Tra gli interventi, previsto un bonus una tantum di 150 euro per chi percepisce redditi inferiori a 20.000 euro Lordi annui : la misura, contenuta nel decreto aiuti ter all'esame del Consiglio dei ministeri, andrà anche ai pensionati e interesserà una platea di 22 milioni di persone.Una fetta importante del nuovo provvedimento andrà alle imprese, a partire dalla proroga dei crediti d'imposta, misura di sostegno in scadenza a fine settembre e che invece, con il nuovo decreto legge, punterà dritto a fine anno. Includendo - ed è una delle novità - anche bar , ristoranti e piccole imprese , ovvero tutte quelle attività che hanno un contatore che supera l'asticella dei 4,5 kw.

Quattrocento milioni a sanità, 190 all'agricoltura

Con il decreto aiuti terranno uno stanziamento nazionale di 400 milioni per il servizio , suddiviso tra le regioni e province autonome per far fronte ai rincari nel settore ospedaliero, comprese Rsa e strutture private. Ci saranno anche circa 190 milioni per il sostegno alle aziende agricole , con interventi per la riduzione dei costi del gasolio agricolo, dei trasporti e dell'alimentazione delle serre, oltre al rifinanziamento di 10 milioni per le scuole paritarie.

Bonus bollette esteso a 600mila famiglie: prezzi giù del 30% con Isee fino a 15mila euro

Il taglio delle accise

Il taglio delle accise sui carburanti viene esteso fino alla fine di ottobre. La misura è contenuta nella bozza del decreto legge aiuti ter.All'articolo "Disposizioni in materia di accisa e di imposta sul valore aggiunto su alcuni carburantì viene confermato lo sconto di 30 centesimi che, al momento, è previsto fino alla legge 17 ottobre. Nel testo della legge che «in considerazione del perdurare degli effetti economici derivanti dall'eccezionale incremento dei prezzi dei prodotti energetici, a decorrere dal 18 ottobre 2022 e fino al 31 ottobre 2022» le aliquote di accisa sono rideterminate nelle seguenti misure: benzina 478,40 euro per mille litri; oli da gas o gasolio usato come carburante 367,40 euro per mille litri; gpl 182,61 euro per mille chilogrammi; gas naturale usato per autotrazione zero euro per metro cubo; l'

Bonus bollette esteso a 600mila famiglie: prezzi giù del 30% con Isee fino a 15mila euro

Messina: «Pronti a osare aiuto per uscire dalla crisi»

Da imprese a scuole ed ospedali: Intesa Sanpaolo accoglie la richiesta del premier Draghi per soluzioni al nodo dei pagamenti e aiutare a superare la crisi: «In questo momento delicato per il Paese l'urgenza posta dal Presidente del Consiglio sulla necessità di trovare soluzioni per il pagamento dei costi energetici ci sprona a osare il nostro contributo affinché il Paese, le famiglie, le imprese, possano contare sulla disponibilità a mettere a fattore comune soluzioni concrete, risorse funzionali a superare il difficile contesto internazionale. Intesa Sanpaolo anche in questo frangente è pronta a fare la sua parte convinta dell'efficacia della collaborazione tra pubblico e privato per far uscire il nostro Paese più forte da questa crisi. Le imprese devono essere sostenute nel lontano fronte al caro energia, in particolare la realtà fondamentali per il nostro futuro come scuole ed ospedali che non possono fermarsi in attesa di tempi migliori. La nostra Banca metterà a disposizione la sua forza, la sua solidità, le qualità delle sue persone».

Intesa partecipa a finanziamento in pool per metropolitana San Paolo in Brasile

Stefani: 120 milioni a disabili per arginare gli aumenti

«Nel dl Aiuti ter abbiamo inserito una norma per aiutare gli enti che gestiscono servizi per la disabilità a sostenere i costi dell'energia. È istituito un fondo di 120 milioni l'anno, di cui 100 da fondi gestiti dal ministro per le Disabilità. I fondi spettano agli enti del terzo settore e agli enti religiosi civilmente autorizzati che gestiscono i servizi sociosanitari e sociali in regime residenziale e semiresidenziale per disabili che per l'aumento dei costi di energia termica e hanno subito un incremento dei costi oltre 30 per cento nel terzo e quarto trimestre 2022». Così il ministro per le Disabilità, Erika Stefani .

Credito d'imposta esteso alle Pmi

Credito d'imposta estesa alle Pmi: fino al 30 settembre è confermato l'attuale meccanismo, (25% per le imprese energivore e al 15% per le altre imprese con consumo maggiore di 16,5 MW). Per i mesi di ottobre e novembre è previsto un rafforzamento, con soglia del 25% per le imprese energivore e gasivore e al 40% per tutte le imprese che consumano gas. Ci saranno anche garanzie statali sui prestiti alle imprese in crisi di liquidità per il bollette, con accordi da sviluppo con le banche per offrire i prestiti al tasso più basso, in linea con il Btp.

Riforma enti locali e mappa concessioni

Il Consiglio dei ministeri, quanto si apprende da fonti di governo, ha approvato il decreto legislativo con le regole per adottare la mappatura di tutte le concessioni pubbliche. I tre ministeri della Lega, viene riferito, hanno votato contro il provvedimento.

«I ministeri della Lega hanno votato contro il decreto che avvia le mappature delle concessioni. Abbiamo fosse scorretto portare un provvedimento del genere all'esame del Consiglio dei ministeri a pochi giorni dalle elezioni. Riteniamo che sia più corretto affidare l'esame di simili provvedimenti al nuovo governo». Lo dice il ministro del Turismo Massimo Garavaglia. «Inoltre, non c'era nessuna urgenza, visto che il termine per approvare il decreto sulla mappature delle concessioni scade a febbraio del 2023.

«Il ministero del Turismo non darà l'assenso - ha concluso Garavaglia - agli altri decreti in materia che prevede per questo norma (a differenza di la firma del Turismo. Se ne occuperà il nuovo governo come è giusto che sia».

 

Cento milioni al trasporto locale, nuove norme per alloggi universitari

Nel dl aiuti ter ci sono anche 100 milioni di euro destinati al trasporto pubblico locale , nonché contributi a favore dello sport, del mondo della cultura (in particolare cinema e teatri) e del terzo settore, e norme per la realizzazione di nuovi alloggi universitari. I contributi per il trasporto il locale pubblico potrebbe non essere l'unica novità per questo settore. All'esame del Cdm figura infatti anche il decreto legislativo sui servizi pubblici locali di attuazione della legge annuale sulla concorrenza. Sono definiti i principi diretti a regolare le varie fasi per l'istituzione di un servizio pubblico locale, con particolare attenzione per il principio di sussidiarietà orizzontale. Sono incentivate forme di aggregazione tra gli operatori;si stabiliscono incompatibilità precisa, in particolare l'autorità che regola il servizio non può gestirlo; si rafforzano pubblicità e trasparenza.

 

Ultimo aggiornamento: 17 Settembre, 09:26 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci