Bitcoin, nuova quotazione record mentre Coinbase sbarca a Wall Street

Martedì 13 Aprile 2021
Bitcoin, nuova quotazione record mentre Coinbase sbarca a Wall Street

Il Bitcoin vola a un nuovo record alla vigilia dello sbarco a Wall Street di Coinbase, attesa mercoledì al Nasdaq a una valutazione di 100 miliardi di dollari. La criptovaluta corre a 63.246 dollari sostenuta dall'ottimsimo dei fan delle valute digitali che vedono nella quotazione diretta di Coinbase quel passo decisivo per l'accettazione da parte del grande pubblico del Bitcoin. Il debutto «segnerà l'occasione di una congiunzione fra la finanza tradizionale e il mondo cripto. E uno sbarco di successo può essere l'endersement ufficiale delle criptovalute da parte degli investitori tradizionali», affermano alcuni analisti, convinti che «il basso tasso di volatilità degli ultimi 30 giorni mostra come il Bitcoin è ormai pronto a uscire dalla gabbia e continuare la sua corsa verso i 10.000».

Il mercato delle criptovalute raggiunge i 2.000 miliardi di dollari

Diverse banche, fra le quali Goldman Sachs e JPMorgan, hanno già annunciato piani per offrire criptovalute ai propri clienti anche alla luce della curiosità e della domanda sostenuta. Ma la volata del Bitcoin continua a non convincere molti. Gli scettici ritengono che la corsa degli ultimi mesi sia stata dopata dai maxi stimoli all'economia, che hanno fatto volare anche i listini azionari. L'esercito dei dubbiosi è guidato dalle autorità che, in tutto il mondo, guardano con scetticismo e preoccupazione al Bitcoin e alle criptovalute, ritenute solo uno strumento speculativo senza un valore riconoscibile.

Nonostante le resistenze, le valute digitali tentano diversi governi, in primis la Cina. Pechino starebbe lavorando al suo yuan digitale controllato dalla banca centrale, cercando di posizionarlo per un uso internazionale e sfidando di fatto il dollaro. La Fed sul dollaro digitale procede con cautela: «non c'è nessuna fretta per adottarlo», va ripetendo da tempo il presidente della Fed Jerome Powell assicurando che la banca centrale non adotterà il dollaro digitale «senza l'appoggio del Congresso». La strada quindi è ancora lunga e gli Stati Uniti potrebbero essere 'battutì dalla Cina che, sempre più, vuole essere trattata da pari in politica e in economia.

Ultimo aggiornamento: 21:23 © RIPRODUZIONE RISERVATA