Biden vs Putin: incontro a nervi tesi con focus sull'Ucraina

Lunedì 6 Dicembre 2021
Biden vs Putin: incontro a nervi tesi con focus sull'Ucraina

(Teleborsa) - Non sarà un incontro prive di insidie quello in programma martedì 7 dicembre tra il presidente degli Stati Uniti Joe Biden e il leader russo Vladimir Putin. Alla vigilia della videoconferenza, la Casa Bianca ha infatti segnalato che gli Stati Uniti sono pronti a imporre gravi contromisure economiche se Mosca attaccasse l'Ucraina. L'incontro virtuale avviene in un contesto di tensione, a causa del dispiegamento di truppe russe e attrezzature di difesa lungo il confine del paese con l'Ucraina. "Questi movimenti sono coerenti con la pianificazione di un'escalation militare in Ucraina", ha detto ai giornalisti statunitensi un funzionario senior dell'amministrazione USA, secondo quanto riportato da CNBC.

"Abbiamo avuto intense discussioni con i nostri partner europei su cosa faremmo collettivamente in caso di una grande escalation militare russa in Ucraina - ha aggiunto - Riteniamo di avere davanti un percorso che comporterebbe contromisure economiche sostanziali da parte sia dell'Europa che degli Stati Uniti, che imporrebbero danni economici significativi e gravi all'economia russa, se dovessero scegliere di procedere".

Nelle scorse settimane, Washington ha accusato la Russia di aver ammassato truppe vicino al confine con l'Ucraina per intimidire un aspirante membro della NATO. Gli osservatori hanno immediatamente fatto paragoni con quanto successo nel 2014, quando la Russia ha ammesso la Crimea. Dal canto suo, Mosca vede la crescente influenza della NATO su una vicina ex repubblica sovietica come una "linea rossa" che non permetterà di essere superata. Putin ha chiesto garanzie di sicurezza giuridicamente vincolanti sul fatto che la NATO non si espanderà più a est o collocherà le sue armi vicino al territorio russo, ma la comunità internazionale ha ripetutamente affermato che nessun paese può porre il veto alle speranze dell'Ucraina di entrare nella NATO.

Nella giornata odierna, il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov ha descritto lo stato delle relazioni tra Stati Uniti e Russia come "deplorevole" e ha ribadito l'opposizione di Mosca all'espansione della NATO. "Verrà discussa la tesa situazione intorno all'Ucraina e la NATO vicino ai nostri confini. E l'iniziativa del presidente Putin sulle garanzie a lungo termine della sicurezza della Russia. Tutti questi argomenti saranno discussi", ha detto Peskov in una conferenza stampa indetta alla vigilia della videochiamata tra i due leader.

© RIPRODUZIONE RISERVATA