Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Inflazione su del 7,9% a luglio, e la spesa costa il +9,1% in più: è record dal 1984

L'Istat conferma che anche a luglio i prezzi sono cresciuti dello 0,4% sul mese precedente

Mercoledì 10 Agosto 2022
Inflazione, il carrello della spesa costerà il +9,1% in più: è record dal 1984

Nuova stangata sulle tasche delle famiglie italiane. La frenata dei costi dell'energia non rallenta la corsa dell'inflazione. L'Istat conferma che anche a luglio i prezzi sono cresciuti dello 0,4% sul mese precedente, segnando un rialzo del 7,9% su luglio 2021. Rialzo record anche sul  «carrello della spesa», che a luglio 2022 segna un rialzo sull'anno precedente del 9,1%, un aumento mai così alto dal 1984. 

 

L'energia costa meno ma sale la spesa 

Il dato positivo è che rallenta la corsa al rialzo dei prezzi energetici  (da +48,7% di giugno a +42,9%) a causa degli Energetici regolamentati (da +64,3% a +47,9%) e degli Energetici non regolamentati che crescono "solo" del 39,8% (da +39,9%). 

Scende il prezzo di Servizi ricreativi, culturali e per la cura della persona (da +5,0% a +4,6%). Aumenti invece per quanto riguarda i beni alimentari lavorati (da +8,1% a +9,5%) e i trasporti (da +7,2% a +8,9%), i Beni non durevoli (da +2,9% a +3,6%), e i Beni durevoli (da +2,8% a +3,3%) . Aumento anche per il costo dei Servizi vari (da +1,1% a +1,6%).

L'«inflazione di fondo», al netto degli energetici e degli alimentari freschi, accelera da +3,8% a +4,1% e quella al netto dei soli beni energetici da +4,2% a +4,7%. 

Su base annua aumento dei prezzi dei beni +11,1% 

Su base annua l'aumento maggiore è quello dei prezzi dei beni (da +11,3% a +11,1%), e accelerano anche quelli dei servizi (da +3,4% a +3,6%). 

Prezzi in crescita anche sui Beni alimentari, per la cura della casa e della persona (da +8,2% a +9,1%) e i prodotti ad alta frequenza d'acquisto (da +8,4% a +8,7%). 

L'aumento dell'indice generale è dovuto prevalentemente ai prezzi dei Servizi relativi ai trasporti (+2,7%) e degli Alimentari lavorati (+1,4%). L'unica voce a diminuire sono i prodotti Alimentari non lavorati che nel mese di luglio segnano un -1,7%.

L'inflazione acquisita per il 2022 è pari a +6,7% per l'indice generale e a +3,3% per la componente di fondo.  

Ultimo aggiornamento: 14:21 © RIPRODUZIONE RISERVATA