ArcelorMittal, la multinazionale verso l'addio: «Troppo tardi, caduta la fiducia»

PER APPROFONDIRE: arcelormittal
ArcelorMittal, la multinazionale verso l'addio: «Troppo tardi, caduta la fiducia»

di Giusy Franzese

La corda non è ancora strappata, ma è molto sfilacciata. E in queste condizioni non potrà reggere a lungo. Fra qualche giorno, al massimo all'inizio della prossima settimana, ci sarà un nuovo incontro a Palazzo Chigi per capire se l'addio di ArcelorMittal a Taranto e agli stabilimenti in Italia è reversibile. Dopo tre ore di incontro tra il premier affiancato da mezzo governo e il maggiore azionista del colosso franco-indiano, Lakshmi Mittal, accompagnato dal figlio Aditya (che nel gruppo è presidente della holding e ceo di ArcelorMittal Europa), dopo una conferenza stampa annunciata e slittata di ora in ora fino a tarda sera, il sentiment resta quello che riannodare la corda non sarà facile. Fonti molto vicine al dossier quotano solo al 30% le possibilità di una retromarcia del colosso dell'acciaio. «Non ci fidiamo più» avrebbero confidato i Mittal, di fronte ai continui tentennamenti del governo.

Ex Ilva, Conte si schiera con M5S. Il Pd: così l'azienda muore

CARTE SCOPERTE
Non si fidano ma hanno voluto comunque scoprire le carte. E fare le loro richieste irrinunciabili. Quattro in particolare: un decreto che ripristini - con una norma generale o meno poco importa - lo scudo penale, senza il quale è impossibile portare avanti gli interventi di risanamento ambientale; il varo di un'altra norma (sulla falsariga di quanto fece il governo Renzi per i commissari) che neutralizzi eventuali disposizioni di spegnimento dell'Afo2, consentendone la «facoltà d'uso» per almeno altri 16 mesi (periodo che il gruppo di consulenza Paul Wurth ritiene congruo per adempiere alle prescrizioni della magistratura); l'attivazione di una massiccia dose di ammortizzatori sociali per circa 5.000 dipendenti, visto che il settore dell'acciaio in Europa è stretto a tenaglia tra dazi, overcapacity e crisi dell'automotive: nel 2020 la produzione a Taranto - è stato ribadito - difficilmente supererà i 4 milioni di tonnellate l'anno (nel piano industriale erano previsti 6 milioni fino al 2023 e poi a seguire 8 milioni). E infine niente minacce di rivisitazione dell'Aia: già l'addendum firmato lo scorso anno ha stretto le maglie, e in questi 12 mesi di affitto e gestione dell'acciaieria mai sono stati superati i limiti di emissione.
Tutte cose che si tengono, risolverne una lasciando appesa l'altra non è sufficiente a innestare una marcia indietro. Non basta a convincere la multinazionale che quel «clima di ostilità» che li circonda stia svanendo.

I COMMISSARI
Sta al governo adesso, risolvere le sue querelle interne, e fare il prossimo passo evitando il baratro. Perché da ieri Conte ha un elemento di preoccupazione in più: i tre commissari straordinari hanno fatto sapere che senza lo scudo penale non possono operare. E serve anche una consistente iniezione di liquidità. Per cui sono pronti a mollare.Nell'attesa la smobilitazione da Taranto procede. Ieri, prima ancora dell'inizio dell'incontro a Palazzo Chigi, i sindacati hanno ricevuto la comunicazione di cessione di ramo d'azienda (ex art.47) che dà formalmente il via alla procedura di «retrocessione» di tutti i dipendenti all'Ilva Spa in amministrazione controllata. E così anche il terzo passo verso l'addio è compiuto (dopo la lettera di «recesso» ai commissari e l'atto di citazione in tribunale). Sono coinvolti tutte le controllate e i siti acquisiti dal colosso con la gara per l'ex Ilva, quindi Taranto, Genova, Novi Ligure, Milano, Racconigi, Paderno, Legnano, Marghera. Complessivamente 10.777 dipendenti che «entro 30 giorni» ritornano ai commissari straordinari.
Nonostante fosse stata annunciata, ricevere la comunicazione in mattinata è stata una scossa così potente che ha anche diviso il fronte sindacale: Fim-Cisl ha dichiarato subito sciopero fino ad oggi; gli altri (Fiom, Uilm, Usb) sono rimasti in stand-by. Poi ieri sera anche loro hanno rotto gli indugi proclamando per l'8 novembre 24 ore di sciopero a Taranto. E non è escluso che si accodino anche gli altri stabilimenti.
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovedì 7 Novembre 2019, 07:33






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
ArcelorMittal, la multinazionale verso l'addio: «Troppo tardi, caduta la fiducia»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER