Manovra, Di Maio: «Nessun piano B, sul Def non si torna indietro. Questa Europa è finita»

PER APPROFONDIRE: di maio, manovra, piano b, ue
Manovra, Di Maio: «Nessun piano B, ma sul Def non si torna indietro»
«Nessun piano B» sulla manovra da far scattare in caso di un'emergenza spread a 400, e «deve essere chiaro» anche a Bruxelles, perché sulla manovra «il Governo non arretrerà». Il vicepremier e ministro del Lavoro e dello sviluppo economico, Luigi Di Maio, lo sottolinea a margine di una visita al Villaggio Coldiretti. Dopo la lettera arrivata dai commissari Moscovici e Dombrovskis ci sarà «una fase di interlocuzione» con la Commissione Ue ma, ribadisce, «indietro non si torna».

LEGGI ANCHE Pace fiscale, ecco le misure: nuova rottamazione delle cartelle

«C'è una vera e propria guerra contro il made in Italy e noi la dobbiamo combattere con tutte le nostre forze - ha detto ancora Di Maio -. Questi sono giorni importanti, non sono venuto alla Coldiretti per alzare i toni con l'Europa anche perché diciamoci la verità questa Europa qui tra sei mesi è finita». «Tra sei mesi ci sono le elezioni europee e - ha aggiunto - come c'è stato un terremoto politico in Italia il 4 marzo, ci sarà un terremoto politico alle elezioni europee di maggio». «E questo significa che finalmente molte delle istanze che sono state tradite e ignorate - ha concluso - arriveranno al Parlamento europeo con il triplo, con il quadruplo della forza che hanno avuto in questi anni». 

«Ci aspettavamo che questa manovra non piacesse a Bruxelles, adesso inizia una fase di discussione con la Commissione ma deve essere chiaro che indietro non si torna», dice Di Maio. E sottolinea: «Questa non è una manovra che deve sfidare Bruxelles. È una manovra che deve ripagare il popolo italiano di tanti torti subiti», su pensioni, lavoro, risarcimenti «per chi è stato truffato dalle banche e dai precedenti Governi», e per «chi ha diritto di pagare meno tasse perché sono imprenditori o partite Iva. Questo è il nostro obiettivo, poi ci sarà una interlocuzione nei prossimi mesi e nelle prossime settimane».

«Apprezzo», dice Di Maio, «il fatto che sia stata mandata a mercati chiusi. Abbiamo tutto il weekend per discutere di questa lettera a mezzo stampa, ma deve essere chiaro che questo Governo non arretra. Adesso il ministro Tria inizierà una interlocuzione con le istituzioni, il presidente Fico sarà nei prossimi giorni a Bruxelles. Saremo tutti compatti e faremo un gioco di squadra per spiegare alla Commissione Europea che gli italiani hanno bisogno di queste misure e che non sono misure spot ma finalmente cambiamo la vita delle persone». Preoccupazioni in vista della scadenza del 15 ottobre? «No, non sono preoccupato, perché dopo tanti anni abbiamo scritto una manovra del popolo. E quando si aiuta la gente non si può essere preoccupati. Sono tranquillissimo».

E ancora: «Le previsioni non si fanno sui se. Noi siamo convinti che quello sarà il tasso di crescita e con quella crescita riusciremo a ripagare il debito e abbassare il deficit». Poi aggiunge:  «Le misure di cui abbiamo discusso in questi giorni sono solo una piccola parte, adesso nella Legge di Bilancio dovranno entrare norme per rendere più veloce e trasparente la Sanità, ci saranno norme per l'export ed il made in Italy, e provvedimenti per la sburocratizzazione». «Abbiamo tanto ancora da fare», sottolinea. Sul fronte delle imprese «il miglior modo per aiutare gli imprenditori e lasciarli in pace. Dobbiamo abolire un bel pò di legge. Io ne abolirò 240» con il nuovo codice del lavoro, e «decine e decine di certificazioni verranno eliminate, saprete quali nei prossimi giorni».
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sabato 6 Ottobre 2018, 11:24






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Manovra, Di Maio: «Nessun piano B, sul Def non si torna indietro. Questa Europa è finita»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
VIDEO
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 69 commenti presenti
2018-10-07 18:48:55
Juncker un massonciello altezzoso e spesso a quanto riportato alticcio: un poveretto servetto di finanza e di laureate alla Karl Marx University nella Germania dell'est che ha gestito con probleminetici un paese paradiso fiscale corrotto e pressoche' razzista-schiavista grande meno del Friuli e fa da grande pontificatore eda lezioni a tutti...un perfetto maggiordomo dei globalisti neo-fascio-sovietisti euroburocretini.
2018-10-07 15:06:49
Sul Blog delle Stelle oggi ho letto un’intervista fatta da un noto Quotidiano all’On. Luigi Di Maio, del M5S, Vice Presidente del Consiglio. Le domande che gli sono state poste, a mio giudizio, sono apparse provocatorie, pretestuose, con lo scopo principale di mettere il Parlamentare del M5S in imbarazzo e in difficoltà. Fortunatamente l’On. Di Maio non è “nato ieri”, è un Parlamentare intelligente, preparato e se l’è cavata benissimo. Quello che a me pare, sottolineo: “è una mia personale impressione” è che ora, con il Reddito di Cittadinanza che viene descritto come un’iniziativa inutile e dannosa, si voglia non solo mettere in cattiva luce il M5S ma di fatto continuare a tenere sotto controllo o meglio ancora sottomesso, il Popolo italiano. L’ingresso del M5S nelle Istituzioni: Parlamento, Regioni, ecc. nel 2013 ha permesso a moltissimi Cittadini di venire a conoscenza di come funziona il Sistema Italia, di tanti aspetti finora sconosciuti ai più e soprattutto, che io considero la cosa più bella, entusiasmante e anche giusta, ma per alcuni molto temuta, di far riprendere agli italiani la passione e l’interesse per la Politica.
2018-10-07 14:36:46
Il popolo non è mai contento.Se il governo continua a fare sempre le stesse cose si dice stanno solo lì ad ingrassarsi e a scaldare le poltrone.Quando una volta dopo decenni arriva qualcuno che cerca di fare cambiamenti radicali non va bene nemmeno perchè ci stanno portando al lastrico.Non va bene mai niente!Ma andateci voi allora al governo che avete le soluzioni per tutto e per tutti..
2018-10-07 12:37:46
Dunque il gas lo importiamo dalla Russia, il petrolio dal nord-Africa, il grano dall'Ucraina, Canada, perfino il pesce non è più nostrano ma di importazione, la moda è made in Italy ma ipadroni sono stranieri, la Cina ci sta comperando tutte le nostre fabbriche, e i nostri marchi, ultimo la Candy, abbiamo una flotta aerea che ci costa un miliardo di debiti all'anno, esportiamo prosecco, esportiamo, alta tecnologia, Francia che ha acquisito Tim, assieme alla Germania sono i maggiori importatori della nostra merce, possiamo dire tranquillamente che siamo il loro indotto e si potrebbe continuare, ma i nostri eroi salvini e di maio sono convinti che noi siamo gli Usa e pensano e si comportano come Trump, non rendendosi conto che le nostre esportazioni, che poi sono la nostra vera e unica ricchezza, anche se pregiate possono essere tranquillamente portate in Ungheria o Polonia, o Slovenia e Orban sarebbe estremamente felice, ma vi rendete o ci rendiamo conto in che mani siamo? a meno che il vero fine non sia quello di uscire dall'Europa e allearsi con i gli ex sovietici di Putin, e non è una banalità.
2018-10-07 12:09:03
Non capisco come faccia Salvini a continuare a stare insieme a Di Maio, proprio non lo capisco...