Landini: «Il mio stipendio è di 3.700 euro netti al mese» Video

PER APPROFONDIRE: cgil, maurizio landini, stipendio
Maurizio Landini
Il segretario generale della Cgil, Maurizio Landini, guadagna 3.700 euro netti al mese. Lo ha detto lo stesso Landini parlando a Otto e mezzo su La7 e respingendo le accuse del leader 5 stelle Luigi Di Maio che ha anunciato un taglio dei privilegi pensionistii dei sindacalisti.

«E' bene che tutti sappiano che mentre chi è in parlamento è pagato con i soldi e le tasse di tutti, quindi anche con i miei, io non sono pagato con i soldi di Di Maio. Io sono pagato con i soldi di chi lavorando decide che l'1% ogni mese lo dà al sindacato. E i soldi pubblici, attraverso i Caf e i patronati, ce li abbiamo perché facciamo dei se4rvizi che per legge sono riconosciuti. Quindi la smettessero di pensare chissà che cosa», ha affermato Landini.





«I nostri bilanci - ha proseguito il leader della Cgil - sono pubblici e la mia busta paga l'ho pubblicata sui siti quando ero in Fiom e non ho nessun problema a rendere noto quanto prendo e come si spendono i soldi dei lavoratori. Essendo segretario generale non l'ho ancora presa la prima busta perché non me l'hanno ancora data ma dovrebbe essere, secondo il nostro regomanento, circa 3.700 euro netti che è lo stipendio più alto in assoluto che io non ho mai preso uno stipendio di quel genere in tanti anni che lavoro», sono state ancora le parole di Landini.

Quando Di Maio dice che metterano mani ai privilegi sindacali dice una «sciocchezza», insiste infine Landini, le «regole nostre sono le stesse di tutti gli altri lavoratori». 

 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 1 Marzo 2019, 14:53






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Landini: «Il mio stipendio è di 3.700 euro netti al mese» Video
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 19 commenti presenti
2019-03-06 15:57:23
....fin troppi......!
2019-03-02 10:18:28
Soldi buttati, i sindacalisti nel 90% dei casi fanno i loro interessi in primis o sono fancazzisti che si nascondono dietro una sigla. Chi lo prova a fare seriamente viene emarginato da tutti, per primo dai propri "colleghi" sindacalisti.
2019-03-02 09:45:01
Notizia fresca:il governo si affida anche ai Caf per il disbrigo pratiche reddito di cittadinanza e pure quota 100.
2019-03-02 08:14:24
Meglio lui che certi dirigenti esempio di Alitalia, ferrovie ecc quando erano di Stato che hanno fatto divorare miliardi per salvataggi per poi privatizzarle, perdere ancora soldi, farle sopravvivere sempre con soldi nostri e ora un emerito genio di ministro vuole che lo stato partecipi con altri soldi nostri al tra Alitalia e Ferrovie! Ma non vuole fare la TAV! Ma vi rendete conto in mano a chi siamo!
2019-03-02 06:47:24
Non li prendera' a vita...i segretari ogni tanto cambiano. vengono pagaticon le quote degli iscritti che possono essere revocate. Poi molti che criticano e denigrano...se hanno qualche vertenza o licenziamento in atto o pratica Inps o Inail o bisogno di assitenza legale di una vvocato del lavoro, corrono a chiedere consuenza possibilmente gratuita.. Singolare un fatto raccontatomi.Un gruppetto di dipendenti molto sporvveduti in tema di contratto e loro diritti, chiese consulenza legale al Sindacato chiedendo l'assitenza di consulente legale convenzionato col sindacato a prezzo calmierato.Motivo della vertenza:il datore di lavoro non pagava piu'il fuoribusta.Il sindacalista rispose che tale pratica era illegale e chiedere assitenza per riaverla ad un sindacalista denotava ignoranza abissale.Comemai non avevano chiesto parere QUANDO PERCEPIVANO FUORI BUSTA IN CONTANTE?