Istat, pressione fiscale sale al 38%: meno consumi e aumenta risparmio

PER APPROFONDIRE: consumi, famiglie, istat, risparmio
Istat: frenano i consumi, aumenta la propensione al risparmio
I consumi delle famiglie nei primi tre mesi del 2019 sono cresciuti in termini nominali dello 0,2%, frenando su base congiunturale (erano aumentati dello 0,6% alla fine del 2018). Lo rileva l'Istat. Invece, la propensione al risparmio delle famiglie è stata pari all'8,4%, in aumento di 0,7 punti percentuali rispetto al trimestre precedente.

La pressione fiscale è risultata del 38,0%, in aumento di 0,3 punti percentuali rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente. Lo rileva sempre l'Istat nel conto trimestrale delle amministrazioni pubbliche.

L'incidenza del deficit del conto delle Amministrazioni pubbliche sul Pil è scesa lievemente rispetto al primo trimestre del 2018, in corrispondenza di una dinamica delle uscite di poco inferiore a quella delle entrate (con incrementi rispettivamente dell'1,4 e dell'1,6%). È l'Istat a commentare così i dati del conto trimestrale delle amministrazioni pubbliche. Il reddito disponibile delle famiglie ha segnato, dopo i due cali consecutivi dei trimestri precedenti, un marcato recupero - rileva l'istituto - che, grazie alla frenata dell'inflazione, si è trasferito direttamente in crescita del potere d'acquisto. La risalita del reddito si è tradotta in misura molto limitata in maggiori consumi, mentre è aumentata la propensione al risparmio.



 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoledì 26 Giugno 2019, 10:40






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Istat, pressione fiscale sale al 38%: meno consumi e aumenta risparmio
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
2019-06-26 12:17:54
qualcuno mi spiega queste cifre, io da profano metto l'iva del 22% e l'irpef del 17% e poi tutti gli altri balzelli non vengono conteggiati ? mi sembrano numeri sparati a caso tanto per fare un articolo.
2019-06-26 11:40:34
Se non erro la pressione fiscale con il precedente Governo, a guida Pd, era oltre il 41%.