Disoccupazione in calo al 9,9%, record dal 2011. Catalfo: «Merito delle misure M5S»

PER APPROFONDIRE: contratti, disoccupazione, istat, lavoro, pil
Disoccupazione in calo al 9,9%, record dal 2011. Catalfo: «Merito delle misure M5S»
Cala la disoccupazione nel secondo trimestre dell'anno: il tasso registrato dall'Istat è del 9,9% (-0,4 punti). A livello trimestrale è il dato più basso dopo il quarto trimestre del 2011 (9,2%). Nel secondo trimestre il numero degli occupati cresce di 130 mila unità (+0,6%) rispetto al trimestre precedente, con l'aumento dei dipendenti permanenti (+97 mila, +0,7%) e quello «meno intenso» dei dipendenti a termine (+16 mila, +0,5%) e degli indipendenti (+17 mila, +0,3%). L'Istat segnala che prosegue ma «a ritmi meno sostenuti» anche la crescita rispetto allo stesso trimestre dell'anno scorso, con +78 mila occupati (+0,3%), dovuta ai dipendenti permanenti (+112 mila, +0,7%) a fronte del calo di quelli a termine (-15 mila, -0,5%) e indipendenti (-19 mila, -0,4%).

Il centro per l'impiego assume: 35mila domande per meno di 400 posti

Nel secondo trimestre del 2019, dunque, «si registra un aumento dell'occupazione rispetto al trimestre precedente (+0,6%), in un contesto di calo della disoccupazione e dell'inattività. Con riferimento all'input di lavoro, nello stesso periodo, per le ore lavorate si osserva una lieve diminuzione su base congiunturale (-0,1%) e un rallentamento della crescita in termini tendenziali (+0,4%). Queste dinamiche del mercato del lavoro - afferma l' Istat - si inseriscono in una fase di sostanziale ristagno dell'attività economica confermata, nell'ultimo trimestre, da una variazione congiunturale nulla del Pil».

Disoccupazione in calo, M5S esulta. I dati sul mercato del lavoro diffusi dall'Istat «sono l'ennesima testimonianza della bontà delle misure che come Movimento 5 Stelle abbiamo messo in campo nei primi quattordici mesi alla guida del Paese». Lo afferma la ministra del Lavoro e delle Politiche sociali, Nunzia Catalfo, sottolineando il calo del tasso di disoccupazione nel secondo trimestre al 9,9% e l'aumento degli occupati, in particolare dei dipendenti a tempo indeterminato. «Da ministro - scrive in un post su Facebook - intendo portare avanti il percorso iniziato creando un mercato del lavoro sempre più inclusivo, con al centro il rispetto della dignità e dei diritti dei lavoratori. Salario minimo, fase 2 del Reddito di cittadinanza e parità di genere nelle retribuzioni - rimarca - sono i prossimi obiettivi che voglio realizzare per il bene dei cittadini».

Disoccupazione, gli altri dati. Tornando ai dati, il tasso di occupazione sale al 59,1% (+0,3 punti), mentre il tasso di inattività rimane stabile al 34,3% in tre mesi. Gli occupati stimati dalla rilevazione sulle forze di lavoro dell' Istat risultano pari a 23 milioni 390 mila persone. Nel confronto rispetto al trimestre precedente, la crescita risulta più accentuata nel Mezzogiorno (+1,1%) rispetto al Nord e al Centro (+0,4% e +0,3%, rispettivamente). Per quanto riguarda invece i disoccupati, la stima scende a 2 milioni 545 mila persone.

Nel secondo trimestre dell'anno, il costo del lavoro cresce dello 0,1% rispetto al trimestre precedente e del 2,4% rispetto allo stesso trimestre dell'anno precedente: è il risultato di un aumento delle retribuzioni pari a +0,1% su base congiunturale e +1,6% su base annua e degli oneri sociali, che crescono di più, pari a +0,3% su base congiunturale e +4,5% su base annua. 

Nella ricerca di lavoro, seppure in lieve diminuzione, continua a prevalere l'uso del canale informale: rivolgersi a parenti, amici e conoscenti rimane la pratica più diffusa (82,7%, -0,7 punti); seguono l'invio di curriculum (65,4%, -0,5 punti) e la ricerca tramite internet (55,6%, -2,0 punti). È quanto emerge dalla rilevazione Istat relativa al mercato del lavoro nel secondo trimestre dell'anno. Aumenta tuttavia sia la quota di disoccupati che ha contattato il Centro pubblico per l'impiego (22,3%, +1,1 punti) sia quella di quanti si sono rivolti alle agenzie di somministrazione (12,2%, 1,6 punti).
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovedì 12 Settembre 2019, 11:14






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Disoccupazione in calo al 9,9%, record dal 2011. Catalfo: «Merito delle misure M5S»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 9 commenti presenti
2019-09-12 15:48:32
Grazie M5S. Sono un po meno peggio degli altri e hanno realmente fatto qualcosa per gli italiani. Gli altri si attacchino pure ad ogni minima fesseria. Non blabla nelle discoteche, nelle moto d'acqua, in Russia o al sud ma fatti. Semplici FATTI.
2019-09-12 13:59:12
aspetta aspetta che ti presentino il conto di queste misure tra qualche anno...Voglio vedere se inps e Italia non falliscono..
2019-09-12 13:33:42
Merito di chi? Ah ah ah quelli del reddito di poltronanza?
2019-09-12 11:51:57
Ho sentito spesso dire che con piccoli passi si arriva in vetta, Questi sono risultati che danno soddisfazione e questo grazie alla Legge Dignità del M5S. Ora attendiamo il Salario minimo e il Cuneo fiscale, altre due ottime proposte sempre del M5S.
2019-09-12 16:59:36
Ah ah ah ah ma per piacere! Studiati un po' la storia, guardati in giro e orientati sulla scena internazionale e guarda il disastro che stanno facendo loro come i loro precedenti che adesso li hanno fatti rientrare per la finestra dopo averli odiati e massacrati di insulti per anni. Sono delle porcherie politiche come tutti...intanto noi siamo nel gruppo del terzo mondo senza se e senza ma...altro che