Imu, retromarcia sulla stretta. Gualtieri: daremo parere negativo

Domenica 8 Dicembre 2019
Imu, retromarcia sulla stretta. Gualtieri: daremo parere negativo
30

«Penso che daremo parere negativo a questo emendamento ma dovremo esaminarlo, questo non è un emendamento del governo». Così il ministro dell'Economia Roberto Gualtieri a Mezz'ora in più su Rai3 sulla stretta contro le finte prime case.

«Stiamo parlando di un emendamento del relatore che vuole adeguare il regime delle regole alle sentenze della Cassazione che si può avere solo una prima casa. Ci sono anche fenomeni di false doppie prime case ma bisogna
assolutamente evitare di colpire famiglie che ad esempio legittimamente lavorano in posti diversi».
 

In base alla proposta dei relatori sarebbe dovta arrivare una stretta sulle "finte prime case": ogni nucleo familiare avrebbe potuto indicare una sola abitazione come principale, sulla quale non pagare l' Imu, anche se la seconda casa si trova fuori dal territorio comunale di residenza. Nella relazione che accompagna la proposta si precisa che si interviene «sulle case turistiche, spesso considerate come abitazione principale a causa dello spostamento fittizio della residenza di uno dei due coniugi».

«C'è stato un dibattito vivace per usare un eufemismo, c'è spesso una attenzione eccessiva al giorno per giorno e troppa poca capacità di tenere i nervi saldi e di guardare le cose un po' più in prospettiva. Alla fine abbiamo saldato il conto del Papeete, siamo riusciti a fare un miracolo» con una manovra che «rilancia la crescita e l'equità dell'Italia», ha poi sottolineato il ministro dell'Economia.

«Sarebbe stato meglio fare le due lettura parlamentari, non sono affatto contento di questo ma ci sono ragioni abbastanza oggettive, il governo si è insediato tardi, il lavoro di preparazione della manovra è iniziato dopo rispetto a quando sarebbe dovuto iniziare, è abbastanza fisiologico». Così Gualtieri ha poi risposto a proposito del fatto che, visti i tempi, la manovra sarà approvata con due sole letture. 

Sulla plastic tax «abbiamo deciso di rivedere questa misura, di mantenerla, e di collocarla nel quadro di un grande piano nazionale sulla plastica, un po' sul modello di quello che ha fatto l'Emilia-Romagna. Ora si applica solo alla parte non riciclata e inoltre viene posticipata», ha sottolineato ancora il ministro.

Una crisi di governo in gennaio? «Penso assolutamente di no», ha replicato il titolare del Mef.

Ultimo aggiornamento: 17:34 © RIPRODUZIONE RISERVATA