Fmi taglia stime Italia: ferma nel 2019, +0,5% in 2020. «Essenziale calo del debito»

PER APPROFONDIRE: debito, fmi, italia
​Fmi taglia stime Italia: ferma nel 2019, +0,5% in 2020. «Essenziale calo del debito»
Italia a crescita zero nel 2019. Il Fmi rivede al ribasso le stime per il pil italiano sia per quest'anno sia per il 2020. Dopo il +0,9% del 2018, per il 2019 la crescita è prevista a zero, ovvero 0,1 punti percentuali in meno sia rispetto alle previsioni di luglio sia a quelle di aprile. Per il 2020 la crescita è attesa a +0,5% (-0,3 punti su luglio e -0,4 su aprile). A pesare, afferma il Fondo, è l'«indebolimento della domanda interna, un minore impulso si bilancio e un contesto esterno più debole».

Per l'Italia è «particolarmente essenziale» un impegno «credibile» per un calo del debito pubblico nel medio termine. Lo afferma il Fmi, osservando come il debito italiano è elevato così come il fabbisogno lordo di finanziamento. Il Fondo stima un debito pubblico in aumento al 133,2 nel 2019 dal 132,2% del 2018. Nel 2020 salirà ancora attestandosi al 133,7%, per poi raggiungere il 134% nel 2024. Il deficit è previsto scendere al 2,0% del pil quest'anno dal 2,1% del 2018. Nel 2020 sarà al 2,5% e raggiungerà il 2,6% nel 2024.

La disoccupazione in Italia resta sopra il 10%, oltre la media dell'area euro. Secondo le stime del Fmi dopo il 10,6% del 2018, il tasso di disoccupazione cala quest'anno al 10,3%, livello che resterà invariato anche per il 2020. All'interno dell'area euro, tassi di disoccupazione sopra il 10% si registrano in Spagna (15,3% nel 2018, 13,9% nel 2019 e 13,2% nel 2020) e in Grecia (19,3% nel 2018, 17,8% nel 2019 e 16,8% nel 2020).

 

«In paesi con debito elevato - incluse Francia, Italia e Spagna - i cuscinetti di bilancio dovrebbero essere gradualmente ricostituiti preservando gli investimenti». Un impegno «credibile» a una traiettoria al ribasso del debito «nel medio termine è particolarmente essenziale per l'Italia, dove il debito e fabbisogno lordo di finanziamento sono elevati», afferma il Fmi. Secondo quanto emerge dalle tabelle allegate al World Economic Outlook del Fmi, il debito pubblico italiano è atteso salire al 133,2 nel 2019 dal 132,2% del 2018. Nel 2020 salirà ancora attestandosi al 133,7%. Nel 2024 il debito sarà al 134%. Il deficit è previsto scendere al 2,0% del pil quest'anno dal 2,1% del 2018. Nel 2020 salirà al 2,5% e raggiungerà il 2,6% nel 2024. Le stime e le proiezioni del Fondo per l'Italia sono basate sulla manovra 2019 e sul documento economico e finanziario dell'aprile 2019. «Il Fmi assume che gli aumenti dell'Iva per gli anni futuri saranno cancellati».

 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 15 Ottobre 2019, 15:14






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Fmi taglia stime Italia: ferma nel 2019, +0,5% in 2020. «Essenziale calo del debito»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 8 commenti presenti
2019-10-16 11:49:14
Se non c'é la ripresa rimarrá cosi all'infinito,ora devono cercare di salvare le aziende,intanto la Wirdpool dal primo chiude ,poi ci saranno le altre vertenze tanto per citarne un paio diciamo Ilva-Alitalia-Mercatone ecc.ecc. Di Maio é stato furbo sentendo la puzza di bruciato ha cambiato ministero.Tipico scaricabarile del faccio tutto io
2019-10-16 07:09:50
Ma come, prima concedono al "nuovo" governo, visto che è di sinistra e che si prenderà i clandestini, una maggiore flessibilità. Poi dicono che dobbiamo ridurre il debito. Ma allora che riducano la flessibilità, come hanno fatto con il Governo precedente, invece di aumentarla. Due pesi e due misure, naturalmente...
2019-10-15 19:46:50
Amburgo togliti i paraocchi, per non aumentare l'iva il debito pubblico crescera':
2019-10-15 18:12:32
Quello che, a mio giudizio, importa è che i Mercati internazionali e l’Unione Europea abbiano fiducia nell’Italia e confidino nel Governo Conte 2, presieduto dal bravo Avv. Giuseppe Conte e sostenuto da Pd-LeU-M5S. Un Governo, il Conte 2, che mi pare, dalle premesse della Legge di Bilancio di imminente invio a Bruxelles, abbia impostato più che bene i prossimi 12 mesi. Io sono ottimista, sono convinto che il Governo in carica non solo darà un impulso significativo alla nostra economia, ma inizierà anche una riduzione graduale del nostro Debito pubblico.
2019-10-15 19:10:10
Evviva pane e salame per tutti e anche trippa per i gatti.