Tria: «Minibot non saranno introdotti. Manovra trumpiana? Serve il dollaro»

Tria: «Minibot non saranno introdotti. Manovra trumpiana? Serve il dollaro»
il ministro dell'Economia, Giovanni Tria, rispondendo a Londra, a margine di un incontro con investitori della City, ai giornalisti che gli chiedevano un commento alle parole di Matteo Salvini da Washington. «A parte questo - ha proseguito Tria - la nostra manovra è quella che abbiamo deciso e approvato». Basata su «una politica fiscale prudente, ma compatibile con la necessità di crescere di più. Una manovra trumpiana? Implica avere il dollaro, e noi abbiamo l'euro».

Conte sfida la Ue ma si tratta sul rinvio della procedura: mercoledì vertice di governo

 


«Tutti sanno che l'Italia è in una situazione macroeconomica che non è molto buona». È quanto ha affermato il ministro dell'Economia, Giovanni Tria a Londra secondo quanto riporta Bloomberg. Il ministro si è anche detto «fiducioso in un accordo con la Commissione Ue che sarà raggiunto e che la procedura per il debito eccessivo sarà scongiurata». «Non penso che i minibot saranno introdotti, voglio essere chiaro su questo». Così il ministro dell'Economia Giovanni Tria a Londra, secondo quanto riporta l'agenzia Bloomberg. Per effetto degli incassi fiscali migliori delle previsioni si conferma un obiettivo di target del 2,1/2,2% nel 2019. Lo ha detto il ministro dell'Economia, Giovanni Tria parlando a Londra, secondo quanto riporta Bloomberg.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 18 Giugno 2019, 12:21






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Tria: «Minibot non saranno introdotti. Manovra trumpiana? Serve il dollaro»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
VIDEO
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2019-06-18 12:40:55
Nel governo giallo-verde (ma direi più che altro grigio topo) il ministro Tria brilla di luce propria, stella solitaria, lume di buon senso. Per questo credo non durerà e mi dispiace moltissimo. Faccio presente agli esperti di economia di lega e m5s che l'obiettivo del 2,1% nel rapporto deficit/PIL sarà rispettato grazie a "introiti fiscali maggiori del previsto" quindi NON grazie alla crescita inesistente alla quale siamo condannati dalle politiche economiche, pure inesistenti di questo governo. Attendo repliche con ragionamenti sull'economia, le battute potete tenervele (finora da lega e m5s non ho mai visto ribattere ai miei commenti - che non hanno certo pretesa di verità assoluta, dopotutto non sono mica Keynes, con tesi ragionate: fatevi avanti)