Coronavirus, Alitalia chiede nuova cigs per 4 mila dipendenti

Giovedì 27 Febbraio 2020
Coronavirus, l'impatto si fa sentire anche sull'Alitalia già in crisi. L'emergenza legata all'epidemia arrivata dalla Cina ha infatti portato l'azienda a prendere in considerazione questa incertezza nella nuova procedura di cigs: con il risultato che la nuova cassa, che durerà altri 7 mesi, coinvolgerà quasi 4 mila dipendenti. Numeri che vengono immediatamente respinti dai sindacati, che chiedono l'intervento del Governo.

La procedura aperta dall'azienda e comunicata ai sindacati, prevede altri sette mesi di cigs, dal 24 marzo al 31 ottobre, per complessivi 3.960 dipendenti. Nello specifico, si tratta di 1.175 persone (di cui 70 comandanti 95 piloti e 340 assistenti di volo e 670 del personale di terra), cui vanno ad aggiungersi un massimo di altri 2.785 dipendenti per imprevisti legati all'emergenza coronavirus: 143 comandanti, 182 piloti, 780 assistenti di volo, 1680 personale di terra. L'attuale cigs, che scade il 23 marzo, interessa complessivamente 1.020 persone.

«Sulla base di quanto riconducibile alla emergenza coronavirus - si legge nella procedura - sono in questo momento in fase di valorizzazione ulteriori iniziative e programmi emergenziali che possono richiedere l'urgente e indifferibile attivazione di ulteriori quantitativi di cigs».

I numeri saranno oggetto della trattativa con i sindacati. Che già preparano a dare battaglia. «Respingiamo ogni ipotesi di cassa integrazione per circa 4 mila lavoratori», avverte il segretario nazionale della Filt Cgil Fabrizio Cuscito definendo questi numeri «assolutamente inaccettabili e immotivati nonostante il coronavirus». La situazione preoccupa ancora di più se si considerano anche i 1.500 dipendenti di Air Italy in liquidazione: di fatto ci sono «5500 i lavoratori che rischiano il posto di lavoro nel trasporto aereo italiano in meno di un mese», aggiunge Cuscito che per questo chiede l'intervento del Governo e conferma lo sciopero di tutto il settore del 2 aprile, che rischia a questo punto di essere «il primo di una lunga serie». 

Intanto c'è attesa per il nuovo bando di gara messo a punto dal commissario Giuseppe Leogrande e dal direttore generale Gianfranco Zeni. Il bando potrebbe prevedere la vendita tramite spezzatino (dei tre asset, volo, manutenzione e handling) oppure un lotto unico. Il bando definirà anche la tempistica dell'iter per arrivare pronti al termine del 31 maggio. Il futuro acquirente di Alitalia non dovrà sobbarcarsi la restituzione degli 1,3 miliardi di prestito ponte, che rimarranno in carico alla bad company. 

  Ultimo aggiornamento: 23:02 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci