Berloni in liquidazione, Taiwan via con azienda che cresce: si muovono sindaco e canali diplomatici

PER APPROFONDIRE: berloni, taiwan
​Berloni in liquidazione, Taiwan via con azienda che cresce: si muovono sindaco e canali diplomatici
Canali diplomatici con Taiwan per evitare la liquidazione del marchio storico pesarese Berloni cucine, 85 dipendenti. È il Mise ad attivarsi anche su sollecitazione del sindaco Matteo Ricci e del presidente della Regione Luca Ceriscioli sorpresi dall'annuncio dei proprietari taiwanesi che detengono il 99% delle quote societarie. Nonostante l'impennata di ordini (+25%), fatturato a 15 milioni di euro, crescita dei negozi monomarca e recenti assunzioni, la proprietà ha deciso di mettere in liquidazione l'azienda con conseguenti rischi occupazionali anche per l'indotto.

Una «vicenda strana» ha commentato il sindaco Ricci a proposito della decisione di 'mollare' Berloni in una situazione di ripresa dopo il concordato e il rilancio del 2014 con la nuova proprietà Berloni Group srl. Ieri Ricci si era recato davanti allo stabilimento per esprimere vicinanza anche fisica ai lavoratori in sciopero e picchetto. Solidarietà agli addetti, oltre che dal Comune, è stata espressa anche da Pd Marche, Cna Pesaro Urbino e dalla Regione. Subito la decisione di sindaco e governatore, Luca Ceriscioli, di coinvolgere il Governo per impedire la chiusura, tramite la sottosegretaria allo Sviluppo Economico Alessia Morani originaria della provincia di Pesaro Urbino.

Di oggi l'annuncio di Morani su Facebook: «Il Mise ha attivato i canali diplomatici con Taiwan per cercare di trovare una soluzione alla vertenza della Berloni. La decisione della proprietà, ha osservato, »mette a rischio uno storico marchio del made in Italy, nato nel 1960 a Pesaro, e 85 posti di lavoro«. »Tentiamo questa soluzione - ha spiegato a proposito dei canali diplomatici - con la consapevolezza che la questione è molto complessa e di difficile soluzione trattandosi di soci privati e non di una azienda di Stato.

A prescindere dall'esito di questo intervento, - ha precisato Morani - il Mise è a disposizione dei lavoratori, dei sindacati e delle autorità locali per provare a dare una soluzione a questa crisi«. Dal 26 novembre 2014 Berloni Group srl, ramo d'azienda della Berloni cucine, è in mano a tre soci di Taiwan, già clienti Berloni; l'1% resta alla famiglia di Marcello Berloni rappresentata dal figlio Roberto mentre quella dell'altro fondatore, Antonio, si era sfilati e ora possiede Indel, azienda leader nel settore refrigerazione. La doccia fredda è arrivata quando Roberto Berloni, amministrazione delegato, ha chiamato i dipendenti per annunciare la decisione della proprietà: liquidazione malgrado attività e ordini in crescita.
 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sabato 30 Novembre 2019, 20:16






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Berloni in liquidazione, Taiwan via con azienda che cresce: si muovono sindaco e canali diplomatici
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2019-12-01 14:46:28
come diceva quello che ha svenduto la Cirio? ah si, che la privatizzazione e l'entrata di soci esteri avrebbe migliorato la produttivita' italiana… si si… come la mortadella con il pistacchio...