Bankitalia vede oltre la recessione: «L'economia italiana torna a crescere». Bene il lavoro

PER APPROFONDIRE: bankitalia, dati, lavoro, recessione
Bankitalia vede oltre la recessione: «L'economia italiana torna a crescere». Bene il lavoro
Il bollettino economico di Bankitalia parla di un'economia che «avrebbe lievemente recuperato» dopo la recessione tecnica della seconda metà del 2018. «Secondo nostre stime nei mesi invernali l'attività economica sarebbe tornata a crescere». «Il modesto calo dell'occupazione, che nel trimestre autunnale ha riflesso la fase di debolezza ciclica, non sarebbe proseguito nel bimestre gennaio-febbraio», prosegue il rapporto di Via Nazionale.

«Nel quadro programmatico per i prossimi anni sia il disavanzo sia il debito si ridurrebbero, anche grazie al gettito atteso dalle cosiddette clausole di salvaguardia». Lo scrive, nel bollettino economico, la Banca d'Italia riferendosi al Def e alle clausole che prevedono l'aumento dell'Iva e delle accise.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovedì 18 Aprile 2019, 16:04






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Bankitalia vede oltre la recessione: «L'economia italiana torna a crescere». Bene il lavoro
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
4 di 4 commenti presenti
2019-04-22 20:47:45
Ma quanto bene ci vede sta bankitalia? Appena ieri vedeva la recessione, dovrebbe fare l'oculista altro che il banchiere.
2019-04-18 21:35:12
Bene
2019-04-18 18:37:09
Sempre affermato : danno i numeri senza se e senza ma. Ieri recessione mentre oggi l'attività economica torna a crescere. Come possono essere credibili ? Rende bene la fumata nera della foto.
2019-04-18 18:08:11
Condivido le dichiarazioni speranzose ed ottimistiche dei nostri due coraggiosi e intraprendenti Vice Presidenti del Consiglio sull’andamento dell’economia del nostro Paese. Speriamo che i risultati, a partire dal secondo semestre del 2019, siano positivi e che si possa evitare di aumentare l’IVA che colpisce maggiormente le classi meno abbienti e più fragili.