Alanis Morisette rivela: «Violentata da più uomini quando avevo 15 anni. Nessuno mi ha ascoltata»

Lunedì 13 Settembre 2021
Alanis Morisette rivela: «Violentata da più uomini quando avevo 15 anni». Confessione shock nel doc "Jagged"

La cantante Alanis Morisette ha confessato di esser stata stuprata da più uomini quando aveva solo 15 anni. «Sono stata stuprata da più uomini quando avevo 15 anni. Mi ci sono voluti anni di terapia anche solo per ammettere che c’era stato qualche tipo di vittimizzazione da parte mia», così l'interprete canadese, naturalizzata statunitense, in un documentario sulla sua vita, Jagged“, presentato al Toronto Film Festival.

Il racconto delle violenze

«Adesso ho capito che si trattava di pedofili. Sono stati degli stupri», ha raccontato la cantante. Morissette non ha nominato nessuno dei presunti abusatori nel doc, ma ha menzionato il fatto che molte persone del settore musicale in passato hanno respinto le sue accuse. «L'ho detto ad alcuni, ma le mie parole sono state fatte cadere nel vuoto», ha raccontato ancora Alanis. L'età limite secondo cui oggi in Canada, Paese d'origine dell'artista, si può manifestare consensualità è 16 anni, ma era 14 anni fino a un decennio fa.

Iron Maiden "samurai" al top: dopo 40 anni di carriera conquistano la classifica con l'album “Senjutsu”

Le presunte aggressioni sarebbero avvenute alla fine degli anni '80, quando stava registrando alcune demo per la Geffen Records e viveva a casa con i genitori a Ottawa. «Le avance sessuali indesiderate erano molto comuni, quando non c'erano veri e propri abusi. Quasi con ogni singola persona con cui lavorai» ha proseguito.

«Molte persone dicono ‘perché quella donna ha aspettato 30 anni?’ Io li mando a quel paese - ha tuonato quindi Alanis -. Non hanno aspettato 30 anni. Nessuno le ascoltava. Tutta la cosa del ‘perché le donne aspettano?’ Le donne non aspettano. La nostra cultura non ascolta», ha concluso l'artista.

Rissa sfiorata agli Mtv Music Awards: scontro tra il fighter McGregor e Machine Gun Kelly, compagno di Megan Fox

Assente alla prima di “Jagged“

Morissette si è detta non soddisfatta del documentario, ma si è rifiutata di dare ulteriori spiegazioni. Per questo motivo non sarà presente alla prima di “Jagged“, al Toronto Film Festival. «Naturalmente vorrei che Alanis fosse in sala. È stato un privilegio poter fare questo film e ne sono davvero orgogliosa. Spero che ci saranno altre opportunità in futuro di farla assistere a una proiezione del mio lavoro». Così ha commentato la regista del documentario Alison Klayman. “Jagged“ sarà distribuito sulla piattaforma streaming di Hbo.

 

Ultimo aggiornamento: 14 Settembre, 10:40 © RIPRODUZIONE RISERVATA