The Crown, Netflix sfida la Regina Elisabetta: «Non metteremo avviso sulla serie»

Lunedì 7 Dicembre 2020
The Crown, Netflix sfida la Regina Elisabetta: «Non metteremo avviso sulla serie»

Netflix contro la Regina per The Crown. Il colosso dello streaming non ha intenzione di aggiungere una precisazione alla quarta stagione della pluripremiata serie « The Crown» come richiesto giorni fa dal ministro della cultura del governo britannico. «Abbiamo sempre presentato The Crown come un dramma e siamo sicuri che i nostri abbonati capiscono che la serie è un'opera di fiction basata su avvenimenti storici. Noi non vediamo il bisogno di aggiungere un disclaimer», ha fatto sapere un portavoce della piattaforma di Los Gatos.

Regina Elisabetta, ha perso Vulcan un altro dei suoi cani dorgi: «Duro colpo per lei»

Elisabetta sul pony come sul trono, 94 anni e non sentirli: è sempre in sella

La scorsa settimana il ministro della cultura britannico Oliver Dowden si era lamentato con il «Daily Mail» dell'accuratezza storica della quarta stagione, ambientata negli anni Ottanta e in cui il fallimento del matrimonio del Principe Carlo con Lady Diana e i difficili rapporti della Regina Elisabetta con Margaret Thatcher fanno la parte del leone. «La serie è una bellissima opera di fiction», aveva detto Dowden, dicendosi però preoccupato che «una generazione che non ha vissuto i fatti» potrebbe fraintendere « The Crown» per un documentario. Il ministro aveva scritto a Netflix per spiegare il suo punto di vista e in via confidenziale aveva ricevuto una risposta, evidentemente negativa. Quella di Dowden non era stata però l'unica voce a reclamare una precisazione da Netflix. Secondo Charles Spencer, il fratello di Lady Diana, un 'disclaimer' all'inizio di ciascun episodio «aiuterebbe» ' The Crown'. Perfino Helena Bonham Carter, che nella terza e quarta stagione ha la parte della Principessa Margaret, si era unita al coro, parlando di una «responsabilità morale» da parte della serie di spiegare che «si tratta di un dramma, non un documentario».

Delle quattro stagioni firmate da Peter Morgan, la quarta sembra aver provocato più controversie. Secondo quanto si è scritto nei giorni scorsi sui media britannici, i Windsor sarebbero furibondi per come, mentre si avvicina inesorabilmente la data della successione al trono, la serie presenta al pubblico il personaggio del futuro Re. L'ex portavoce di Buckingham Palace, Dickie Arbiter, ha parlato con la Bbc di un «violento attacco» al Principe Carlo e a Lady Diana, da cui sarebbe rimasto particolarmente ferito, secondo il tabloid « The Sun», il primogenito della coppia, William, convinto che Netflix stia sfruttando i suoi genitori «per far soldi». Silenzio invece da parte di un altro esponente della Royal Family: Harry, il fratello di William che ha di recente firmato con la moglie Meghan un accordo con Netflix da 75 milioni di dollari, non è entrato nella polemica.

Video

 

Ultimo aggiornamento: 8 Dicembre, 16:26 © RIPRODUZIONE RISERVATA