“Scusa se lo chiamo futebòl”, tornano le storie (calcistiche) dell’altro Brasile

Nel nuovo libro di Enzo Palladini si ritorna nel Paese sudamericano, terra di eroi dimenticati del pallone. Presente un’appendice dedicata ai 5 Mondiali vinti

Martedì 4 Ottobre 2022 di Redazione Web
“Scusa se lo chiamo futebòl”, tornano le storie (calcistiche) dell’altro Brasile

Torna in libreria per i tipi della veneziana Edizioni InContropiede un nuovo “Scusa se lo chiamo futebòl”, il libro dedicato alle storie calcistiche che possono accadere solo in Brasile. Arricchito da 4 storie inedite e da una nuova sezione in cui viene raccontato il mito del Brasile e delle cinque coppe del mondo conquistate, il libro del giornalista Enzo Palladini  racconta gli eroi dimenticati della straordinaria terra del Brasile. Esce a distanza di poco tempo da un'altra opera dello stesso autore dedicata al calcio brasiliano, la biografia di Walter Casagrande, che sta avendo bellissime recensioni sulla stampa.

IL LIBRO

I brasiliani hanno inventato il calcio? Facile rispondere: no. Ma sicuramente ne hanno forgiato il lato artistico, portando quello che una volta era un gioco sullo stesso piano della musica, della letteratura, della pittura. Arte allo stato puro. Ed è per questo motivo che due giornalisti italiani, personaggi immaginari ma fino a un certo punto, si mettono in viaggio. Innamorati del Brasile e del calcio, Sergio e Lucio sono perfettamente padroni della lingua portoghese che si parla nel Paìs do futebòl e perfettamente integrati in quella realtà. 

Ogni trasferta in terra brasiliana è per la coppia di amici una buona occasione per andare a scoprire storie dipallone. Soprattutto di futebòl povero, quello che non viene visto da nessuno. Il campioncino con una gamba sola. Il nottambulo Paulo Cesar. Il Pelè del Sergipe. Carlos Henrique Raposo, l’amico dei calciatori. Biro-Biro, la zazzera bionda del Corinthians. Dadà Maravilha, il centravanti implacabile che sostiene di aver segnato 499 gol di testa. I giovani campioncini del Flamengo bruciati vivi nel loro letto. Sono alcuni degli eroi dimenticati che in queste pagine trovano riscatto.

L’AUTORE

Enzo Palladini è nato a Milano nel 1965. Giornalista, dal 2002 è a NewsMediaset dopo tredici anni al Corriere dello Sport. Con Edizioni inContropiede ha già pubblicato “Scusa se lo chiamo futebòl”, “L’anno delle volpi”, “Dimmi chi era Recoba”, “O Zico o Austria”, “Il pallone ai tempi di Tino Asprilla”, “Casagrande: all'inferno e ritorno” e collaborato alla serie “Football City Guides”.

Calciorama

Il libro di Gino Cervi e Gianni Sacco (con disegni di Osvaldo Casanova) racconta la passione per il pallone attraverso i suoi cromatismi . Il calcio è un caleidoscopio che combina gli accostamenti in modo un po' bislaccio - scrivono gli autori - ... E forse qs è l'unico difetto di qs libro di 340 pagine illustrate con arte e classe sopraffina dal vicentino Osvaldo Casanova

Ultimo aggiornamento: 18 Ottobre, 17:13 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci