Cultura, i pennelli di Wengang conquistano il mondo: per la calligrafia cinese. Conosciuti dal Giappone agli Usa

Lunedì 6 Settembre 2021
Cultura, i pannelli di Wengang conquistano il mondo: per la calligrafia cinese. Conosciuti dal Giappone agli Usa

I pennelli di Wengang conquistano il mondo. Zhou Pengcheng, 76 anni, ha dedicato la sua vita al secolare patrimonio culturale intangibile della fabbricazione di pennelli per la calligrafia cinese. L'uomo, che proviene dalla città di Wengang, nella provincia orientale cinese dello Jiangxi, è impegnato in questa antica attività artigianale da oltre sei decenni. La lunga storia dei pennelli calligrafici cinesi di Wengang risale al 1979, e nel corso dei decenni la città è diventata uno dei più grandi mercati di questi articoli del Paese, attirando decine di migliaia di acquirenti da tutta la Cina. Nella cultura cinese, i pennelli da calligrafia sono annoverati tra i cosiddetti "quattro tesori del letterato", e Wengang è nota come la "città natale del pennello da calligrafia cinese" dal momento che ospita più di 400 imprese impegnate nella produzione di pennelli e oltre 2.200 laboratori artigianali, in un settore che offre a quasi tutte le famiglie residenti un modo per guadagnarsi da vivere.

Luca Barcellona: «Tante novità tecnologiche non ci servono. Io, artista dell'inchiostro vi invito a riscoprire la penna»

 

Zhou lavora nel campo dei pennelli da quando aveva otto anni e la sua famiglia è impegnata in questo antico mestiere da nove generazioni. «Negli anni '70, i pennelli da calligrafia realizzati nello Jiangxi non erano così ben riconosciuti sia dalle persone in Cina che nel resto del mondo, il che mi ha spinto a migliorare e adattare le tecniche di fabbricazione in base alle esigenze dei clienti», spiega Zhou, aggiungendo che per farlo gli ci sono voluti circa otto anni di duro lavoro. Realizzare artigianalmente questo tipo di pennelli a Wengang comporta 128 passaggi e non è un caso che il prodotto locale sia riuscito a lasciare un segno nei mercati esteri dell'Asia, dell'Europa, degli Stati Uniti, e in particolare in Giappone e nella Repubblica di Corea. «Ho scoperto il fascino della calligrafia, specialmente di quella cinese, per il suo il potere e impatto visivo », afferma Alister Inglis, professore di lingua e letteratura cinese alla Simmons University. Il docente straniero è interessato a come la forma, la lunghezza e le setole del pennello riflettono il tipo di caratteri scritti. A giugno, la speciale capacità nella realizzazione di pennelli da calligrafia di Wengang è stata inserita nel patrimonio culturale immateriale nazionale, sottolinea Wu Shaoyun, capo del partito della città. Quest'ultimo continua: «dall'inizio dell'anno, ci siamo concentrati soprattutto su come trasformare l'industria dei pennelli in un'industria culturale. Abbiamo lavorato sodo per migliorare le tecniche e il lascito di questo mestiere». Attualmente, la città si sta interessando al nuovo boom dell'era dell'e-commerce e ha lanciato servizi personalizzati per soddisfare meglio le esigenze dei clienti nei settori della cultura, del turismo e degli acquisti online. 

Ultimo aggiornamento: 7 Settembre, 10:43 © RIPRODUZIONE RISERVATA