Il regista della "Partita": «Ecco tutti i segreti dello spettacolo unico al mondo»

Il regista della "Partita": «Ecco tutti i segreti di uno spettacolo unico al mondo»

di Gigi Bignotti

MAROSTICA - Due giovani cavalieri, Rinaldo d’Angarano e Vieri da Vallonara, si contendono la bella Lionora, figlia del castellano del borgo ai piedi dell’Altopiano di Asiago, Marostica. Siamo sotto il dominio della Serenissima e i due baldi giovani vogliono sfidarsi a morte pur di conquistare il cuore dell’amata, ma il saggio Taddeo Parisio, padre di Lionora, si attiene alle leggi della Repubblica, vieta il duello e s’inventa una disfida più nobile e meno sanguinosa.

Grazie a lui, nasce l’evento che oggi - 5 secoli e mezzo più tardi - si celebra ancora nella Piazza degli Scacchi negli anni pari, nel secondo fine settimana di settembre e rappresenta una delle ricostruzioni storiche più spettacolari del Belpaese. Il castellano prese la salomonica decisione che «la sfida si tenga al Nobil Ziogo de li scacchi».  La vicenda storica, riportata alla luce 60 anni fa grazie a ricerche approfondite, ispirò un libretto teatrale di Mirco Vucetich e oggi è messa in scena da un regista di grande esperienza, Maurizio Panici (per 5 anni direttore del festival di Orvieto), tanto innamorato della Città degli Scacchi da aver lasciato la sua Roma per prendere casa qui e gemellarsi con Orvieto. «L’evento che va in scena attorno alla scacchiera di pietra della storica Piazza - spiega Panici - è solo il pretesto per uno spettacolo di commedianti, sbandieratori, giocolieri, musici, ballerini, falconieri e per una parata di armati e cavallerizzi in costumi d’epoca».

L’aspetto straordinario dello spettacolo - così complesso da richiedere una preparazione biennale - è che tutti i personaggi sono non professionisti, semplici cittadini che superano rigorose selezioni e poi si sobbarcano le prove: «Tutto questo ne fa una grande rappresentazione popolare nobilitata da uno scenario unico e con effetti scenici all’avanguardia, giochi di luce e fuochi d’artificio».

E in effetti la “Partita” attira spettatori da tutto il mondo: almeno 4.000 le persone che assistono a ognuna delle 4 repliche (3 serali e una pomeridiana) in un contesto fedelissimo dal punto di vista storico. I figuranti sono ben 800: naturalmente il ruolo più ambito è quello delle protagoniste femminili, Lionora e Oldrada. Le candidate devono per regolamento essere domiciliate nel comune di Marostica. La Pro Marostica, organizzatrice dell’evento, fissa un calendario delle selezioni.
 
 


«Le numerose prenotazioni che abbiamo ogni anno dall’estero - conclude il regista i - dimostrano di quanto richiamo goda ancora l’evento di Marostica e questo successo premia la straordinaria passione di tutti quelli che contribuiscono alla sua riuscita. Nell’edizione di quest’anno proporremo anche novità sceniche: lo spettacolo infatti evolve per entrare nel cuore di chi lo vive in diretta. Questa è la nostra vera Partita, anzi la nostra Sfida».

 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sabato 10 Marzo 2018, 20:23






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Il regista della "Partita": «Ecco tutti i segreti dello spettacolo unico al mondo»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti