Orvieto, Susanna Tamaro vende tutti i ricordi per aiutare i cani abbandonati

Giovedì 4 Febbraio 2021 di Monica Riccio
Orvieto, Susanna Tamaro vende tutti i ricordi per aiutare i cani abbandonati

ORVIETO La scrittrice Susanna Tamaro come mago Merlino, organizza l”operazione Ockety Pockety”, un "Fuori tutto", tutto in vendita per aiutare i cani abbandonati.

Infatti a  Mago Merlino e al suo “un posto a tutto si troverà” è dedicata questa iniziativa a cui Susanna Tamaro, la scrittrice triestina ormai naturalizzata orvietana, anzi poranese, si sta in questi giorni dedicando nella sua casa di Porano. Si tratta di una sorta di “fuori tutto” (ma non proprio tutto tutto) a suo dire necessario ormai vista la grande quantità di oggetti che lei stessa ammette di aver accumulato in casa (ma chi in fondo non lo fa?).

«Molte volte mi sono chiesta come immaginavate la mia casa – ha scritto qualche giorno fa sul suo profilo social - come un asettico spazio con sobri oggetti di design oppure come un caos creativo non molto diverso da quello della torre di Mago Merlino?Avete già indovinato dove va la crocetta: nidi d'uccello, binocoli, piume, cucce di cani, di gatti, e ogni tipo di attività hobbistica che negli anni ha invaso la casa. Per non parlare di tutte quelle cose che la mitica Marie Kondo fa rientrare nella categoria Komono. Cioè, cose totalmente inutili che hanno solo un valore di memoria sentimentale per chi le possiede. Non sapete quante copie del libro giapponese sul riordino ho ricevuto! E oltre a ciò, con il passare degli anni, succede che si trova ad avere delle cose che non si possono più usare. Per fare un esempio: i pattini da ghiaccio. Adoravo pattinare sul ghiaccio ma ormai non lo posso più fare. Cosa fare di quei meravigliosi pattini? Buttarli nella spazzatura? Orrore! Dunque vi annuncio che è cominciata la grande operazione "Oketi Poketi".»

E così Tamaro non si è persa d'animo e ha cominciato a separare cosa non le serviva più, da cosa voleva assolutamente tenere, e tra le cose che non le servivano più ha selezionato con grande cura quelle da cui era ormai ora di separarsi. Ma un animo gentile e sensibile come il suo non poteva semplicemente “separarsi” dai suoi oggetti, doveva fare in modo che si, sarebbero finiti da lei lontani ma avrebbero comunque fatto il loro dovere. Così ha caricato la sua utilitaria rossa e portato tutto alla Fiera dell'Usato di Bagnoregio (Strada Bagnorese km.3,300, località Pratoleva). E ha promesso che altre “cose” arriveranno presto. «Tutto il ricavato delle vendite – spiega Susanna Tamaro - andrà a sostenere l'associazione “Gli Amici di Charlie” di Orvieto che si occupa di cani senza casa o abbandonati. Un'associazione con la quale collaboro da vent'anni e che mi ha fornito la gran parte dei miei gioielli canini».

Abra, cabra, dabra, da

Ecco che magicamente, o più o meno, tanti degli oggetti che fin qui le hanno fatto compagnia nella sua casa di Porano potranno ora finire in altre case, su altri scaffali, su altre mensole, ma, in ogni caso, non senza aver prima aiutato chi spende la vita a prendersi cura dei cani. «Qualcuno ha preso il mio violino?» Chiede ancora a chi segue il suo profilo social: «L’avevo suonato con scarsi risultati nei primi anni '80. Fin da bambina ho sempre desiderato studiare uno strumento. Il pianoforte era il mio sogno ma, all’epoca, i sogni dei bambini non venivano tenuti in gran conto. Così a 20 anni ho iniziato con il violino. Verso i 40 sono passata al flauto traverso. Arriverà anche quello, non temete! A sessant’anni mi sono finalmente regalata un pianoforte e la mia felicità è assoluta.»

In questi giorni Susanna Tamaro confessa di essere impegnata con le ultime riprese del documentario sulla sua vita, ma «appena sarò libera – scrive - passerò alla fase 2 di Oketi Poketi. E vi posso già preannunziare l’arrivo di pezzi preziosissimi, come il coprimouse a forma di topo che ho usato mentre scrivevo 'Per voce sola', 'Va' dove ti porta il cuore' e 'Anima Mundi.'».

Insomma per chi ama Susanna Tamaro sarà impossibile non fare un salto a Bagnoregio anche se, almeno dall'Umbria, al momento causa disposizioni anti-Covid non sarà proprio possibile, anche se lei è fiduciosa: «Non troverete la bomboniere sbrecciata di una lontana cugina, ma attrezzature sportive, strumenti musicali, macchine fotografiche, cineprese, targhe dei miei libri o espositori e cose del genere. Dunque Oketi Poketi ! Spero che continuiate a voler prendervi cura della mie cose così come per anni ho fatto io

Ultimo aggiornamento: 19:48 © RIPRODUZIONE RISERVATA