Morto Peter Fonda, addio all'Easy Rider di Hollywood

PER APPROFONDIRE: morto, peter fonda
Morto Peter Fonda, addio a

di Anna Guaita e Flavio Pompetti

Si è spento circondato dalla famiglia, nella sua casa di Los Angeles. L’attore Peter Fonda aveva 79 anni. A stroncarlo è stata una crisi respiratoria. Da tempo soffriva di cancro ai polmoni. Reso famoso nel 1969 per il film cult “Easy Rider”, Peter era figlio del leggendario attore Henry Fonda e fratello dell’attrice Jane Fonda. Sposato tre volte, lascia due figli, Bridget e Justin, entrambi attori, nati dal primo matrimonio con Susan Brewer. Il secondo matrimonio, con Portia Crockett è finito nel 2011, e subito dopo il divorzio Peter si era risposato una terza volta, con Margaret “Parky” DeVogelaere, con una cerimonia alle Hawaii, quando lui aveva 71 anni e lei 57.

LEGGI ANCHE Easy Rider, 50 anni fa la fine del sogno americano: sarà a Cannes restaurato

La famiglia ha rilasciato una dichiarazione in cui si invita il pubblico “ad alzare il calice in memoria di Peter e della libertà”. Politicamente Peter era stato infatti molto attivo, pronto ad attaccare sia a sinistra che a destra nel nome dei diritti dei cittadini: aveva avuto una forte controversia con Barack Obama ai tempi dell’incidente della piattaforma petrolifera “Deep Water Horizon” nel Golfo del Messico, ed era arrivato a definire il presidente un “traditore”. Ed ha avuto l’anno scorso uno scontro con Donald Trump per il trattamento dei profughi in cerca di asilo. In quell’occasione era giunto a prendersela con la first lady Melania Trump, suggerendo che suo figlio Barron avrebbe dovuto essere chiuso in una cella, come i bambini degli immigrati. Se ne pentì subito e chiese immediatamente scusa, ma il suo tweet fece scalpore e gettò un’ombra sui suoi ultimi lavori.

Nonostante questi pubblici scoppi d’ira, Peter Fonda era comunque noto per essere un uomo mite, e difatti la famiglia ha cercato proprio di ricordarne questo aspetto: “E’ con profondo dolore he condividiamo la notizia che Peter Fonda si è spento” hanno annunciato i familiari ieri sera. L’attore è spirato nella sua casa di Los Angeles, alle undici del mattino ora locale, le venti di ieri sera in Italia. Secondo il comunicato, tutta la famiglia era al suo fianco: “In uno dei momenti più tristi delle nostre vite – continua il testo – non siamo in grado di trovare le parole appropriate per esprimere il dolore che proviamo nei nostri cuori. Mentre piangiamo, vi chiediamo di rispettare la nostra privacy”. In un appello a tutti, il comunicato conclude: ”Mentre soffriamo per la perdita di quest’uomo dolce e gentile, vi chiediamo di celebrare il suo carattere indomito e il suo amore per la vita: alzate un calice in memoria di Peter e in onore della libertà”.

Nella memoria di chi ha vissuto in diretta i suoi successi, l’immagine di Fonda è scolpita nell’interpretazione del personaggio di Wyatt in Easy Rider. Il giovane hippie irrequieto e avventuroso che attraversa il paesaggio del sud degli Stati Uniti, da New Orleans al deserto dell’Arizona, per incontrare il fato che gli sottrarrà l’amico Billy (Dennis Hopper). L’oscar come attore protagonista gli fu invece assegnato per L’oro di Ulisse, diretto da Peter Nunez nel 1997. L’ultimo premio lo aveva ricevuto dal Golden Globe nel 1999 per il film televisivo La passione di Ayn Rand, nel quale aveva impersonato il marito della scrittrice e filosofa degli inizi del ‘900. La sua carriera era iniziata a Broadway nei primi anni ’60, dove fu notato da Robert Rossen, che lo scritturò per il suo ultimo film Lilith del 1964, accanto a Warren Beatty, Jaen Seberg e Gene Hackman.

La sua appartenenza alla cultura hippie andava ben oltre l'immagine di celluloide. Fonda è stato amico personale dei Beatles, sperimentò l'Lsd con John Lennon, e l'esperienza lasciò una traccia nel disco Revolver del 1966. In quegli anni il suo amico regista e Roger Corman gli affidò parti minori in b-movies del decennio, mentre Peter provò anche la strada della musica come scrittore ed esecutore delle proprie canzoni. La sua reale statura di attore non ha mai pareggiato in realtà i vertici della popolarità che il pubblico gli ha tributato, ma la sua presenza nella scena di Hollywood è stata costante fino a due anni fa, quando apparì al fianco di Nicholas Cage ne La ballata di Lefty Brown.

 


 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sabato 17 Agosto 2019, 00:47






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Morto Peter Fonda, addio all'Easy Rider di Hollywood
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
2019-08-17 09:39:36
§§ R.I.P. Peter. Quel film,e quella musica ( born to be wild ),con la guerra del VietNam sullo sfondo,furono una leggenda della mia generazione,anche per chi,come me,non si e' mai fatto una canna e stava dalla parte dei Berretti verdi.Tuo Padre era di altra caratura,MA la Tua parte l'hai avuta. Amen !!
2019-08-17 09:17:21
Un attore simbolo di una epoca straordinaria! R.i.p. Peter....