Quando moriamo ce ne rendiamo conto: il cervello continua ancora a funzionare

L'interno di un cranio umano

di James Perugia

"Tutta la vita ti passa davanti un attimo prima di morire": potrebbe essere più di una semplice suggstione da film. Recenti studi dimostrano, infatti, che il cervello umano continua a funzionare dopo la morte, anche se per un limitato spazio di tempo. Come riportato in un articolo del Mirror, i ricercatori non escludono la possibilità che una persona appena passata a miglior vita sia ancora consapevole e in grado di capire mentre i medici la dichiarano deceduta.





In base allo studio gli essere umani continuerebbero a mantenere la loro consapevolezza anche dopo che il cuore ha smesso di battere. In pratica è come se si rimanesse intrapplati nel proprio corpo senza vita, con il cervello che funziona ancora per pochi momenti. La ricerca si è concentrata soprattutto sulla percezione che le persone che riescono a sopravvivere ad un arresto cardiaco hanno di ciò che accade intorno a loro prima di "tornare in vita".

Il Dottor Sam Parnia, che coordina lo studio, ha spiegato a LiveScience che le persone sopravvisute ad un arresto cardiaco riescono, poi, a descrivere accuratamente cosa stesse succedendo attorno a loro mentre il loro cuore aveva smesso di battere. 
«Raccontano di aver visto i dottori e le infermiere lavorare intorno a loro e si ricordano le loro conversazioni». La cosa più scioccante dello studio è che diverse prove suggerirebbero che le persone passate a miglior vita sarebbero in grado di sentire mentre vengono dichiarate decedute dai dottori.   




 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Sabato 24 Novembre 2018, 15:34






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Quando moriamo ce ne rendiamo conto: il cervello continua ancora a funzionare
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 8 commenti presenti
2018-11-26 10:33:50
ovviamente tutti questi morti "senzienti" erano ben svegli e in pieno possesso delle loro facolta' mentali al momento della morte, e sentendo i commenti dei mesti parenti al capezzale, hanno rapidamente cambiato testamento...
2018-11-25 19:10:07
Buonasera,avevo conosciuto una persona che aveva avuto il primo tumore a vent’anni.Nella sua lunga sofferenza,mentre un giorno era in sala operatoria,lui si vedeva dall’alto mentre i medici cercavano di riportarlo in vita.Stavo bene mi ha detto,non avevo più dolori,non soffrivo più!qualche anno più tardi...è venuto a mancare.Triste!
2018-11-25 18:49:58
ragazzi è stato bello, potrei essere morto, ho un cerchio alla testa. nel caso dovessimo lasciarci buona serata, buone feste e buon 2019 e seguenti, felicità
2018-11-25 15:40:21
tutte cose vecchie e risapute. sono studi fatti ancora una decina di anni fa. perchè non dite anche di quelli che dati per morti hanno dichiarato di essere arrivati in un altro mondo pieno di luce da dove poi una forza irresistibile li ha fatti tornare indietro?
2018-11-25 12:10:28
"La cosa più scioccante dello studio è che diverse prove suggerirebbero che le persone passate a miglior vita sarebbero in grado di sentire mentre vengono dichiarate decedute dai dottori".......ma per favore,che fregnacce!