Morgan e l'Eurovision: «Pausini, Mika e Cattelan? Sembrano il cieco, il muto e il sordo...». E boccia Mahmood e Blanco

L'artista su Mahmood e Blanco e Achille Lauro: «È la nuova Trinità ma io non mi sento rappresentato da loro»

Giovedì 12 Maggio 2022
Morgan e l'Eurovision: «Pausini, Mika e Cattelan? Sembrano il cieco, il muto e il sordo...». E boccia Mahmood e Blanco
1

«Non sto seguendo l'Eurofestival, credo sia più scena che sostanza. Tutta l'Italia della comunicazione si ferma perché c'è l'Eurovision Song Contest? E allora io non mi fermo e non lo guardo; io lavoro e non mi fermo, solo perché c'è l'Eurofestival...». È la presa di posizione personale che esprime Morgan, intervistato dall'AdnKronos a margine della sua lezione-spettacolo su Umberto Bindi al Conservatorio di Santa Cecilia a Roma, in occasione del 90° anniversario di nascita del cantautore che fu tra i massimi esponenti della cosiddetta scuola genovese assieme a Luigi Tenco, Fabrizio De Andrè , Gino Paoli, Bruno Lauzi.

 

L'Italia, che ospita a Torino questa edizione dell'Eurovision Song Contest grazie alla vittoria lo scorso anno dei Maneskin, la cui finale si svolgerà sabato, è in gara con i trionfatori dell'ultimo Festival di Sanremo, Mahmood e Blanco, ma sul palco ci sarà pure Achille Lauro, anche se ufficialmente in rappresentanza della repubblica di San Marino... Come giudica Morgan questo trio? «È la nuova Trinità - risponde - ma io non mi sento rappresentato da loro e non credo di essere l'unico». La trinità musicale italiana ideale di Morgan quale sarebbe, invece? «Escludendo me stesso? Purtroppo sono tutti morti, sarebbero Fabrizio De André e Franco Battiato morti fisicamente e Ivano Fossati che è vivo ma è morto artisticamente». A Francesco De Gregori non lo diciamo... «Ma lui è ancora un ragazzo!», scherza Morgan. Quanto ai presentatori di questo Eurovision Song Contest, per Morgan «non c'è limite alla aberrazione: Mika non è italiano, Laura Pausini non padroneggia il linguaggio e Cattelan è moscio... quanto a Malgioglio è inqualificabile. Ma che scelte sono? Questa sarebbe la vetrina dell'Italia? Mi ricordano la barzelletta con il cieco, il muto, il sordo...».

 

 

Ultimo aggiornamento: 14 Maggio, 12:52 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci