Pomeriggio 5, Irene Pivetti e il caso mascherine dalla Cina: «Sono andata in perdita»

L'ex presidente della Camera respinge le accuse di immissione di prodotti non sicuri e frode in commercio

Martedì 9 Novembre 2021
Mascherine dalla Cina, Irene Pivetti rompe il silenzio a Pomeriggio 5: «Sono andata in perdita»

Irene Pivetti approfitta di Pomeriggio 5 e dello spazio di Barbara D'Urso per ribadire la sua innocenza nel caso delle mascherine anti-Covid contraffatte. La Cassazione ha deciso che i soldi che erano stati sequestrati restano congelati. Il caso riguarda le mascherine importate dalla Cina con un business da 23 milioni.

 

Leggi anche > Covid, il bollettino di oggi: 6.032 nuovi contagi e 68 morti. I positivi tornano sopra quota 100mila

 

 

Irene Pivetti a Pomeriggio 5, le accuse

L'ex presidente della Camera è accusata di immissione di prodotti non sicuri e frode in commercio. Nei primi mesi della pandemia avrebbe fatto venire dalla Cina attraverso la sua società milioni di mascherine non a norma. Lei però respinge ogni accusa e si dichiara pronta a dimostrare la sua innocenza. 

 

Irene Pivetti a Pomeriggio, la difesa

«Non ho lucrato sulla pandemia, i 23 milioni di euro sono quelli che ho ricevuto dalla Protezione Civile per le mascherine acquistate e consegnate. Dal punto di vista imprenditoriale non ho fatto molto perché ho acquistato e rivenduto in perdita. Sono molto tranquilla perché so che con il tempo si potrà dimostrare la correttezza del mio operato. I magistrati si prendano tutto il tempo necessario per esaminare con cura una situazione complessa e possano emettere un giudizio sereno. Tutto il resto è spazzatura», le parole di Pivetti.

 

L'inchiesta su Irene Pivetti

«La mia è un'azienda di medie dimensioni con una lunga esperienza di rapporti con la Cina. Per questo mi hanno chiesto di dare una mano.  Tutte le mie mascherine erano dotate della documentazione, ma c'è stata confusione. Fortunatamente l'amministrazione della società ha tutte le carte precise», aggiunge prima che scoppi il caos in studio. C'è chi la difende e chi punta il dito contro di lei ritenendo che abbia approfittato delle sue relazioni politiche per avere l'appalto. 

 

Ultimo aggiornamento: 19:21 © RIPRODUZIONE RISERVATA