Ivana Spagna a Domenica In: «Stavo per uccidermi, mi ha salvato una gatta»

La cantante racconta i primi ricordi e le esperienze di vita più dolorose

Domenica 23 Gennaio 2022
Ivana Spagna a Domenica In: «Stavo per uccidermi, mi ha salvato una gatta»
1

Ivana Spagna si racconta nel profondo a Mara Venier, nello studio di Domenica In. E lo fa con tanti aneddoti, decisamente commoventi. A cominciare dal ricordo dei genitori, da cui ha ripreso una spiccata sensibilità, per poi passare attraverso momenti di profonda sofferenza. «Ringrazio Dio, perché di quello che amo sono riuscita a fare una professione e questo non succede a tutti. Dopo tanti anni, non riesco a non piangere nel vedere una persona o un animale soffrire. Penso sempre agli altri e mi sono rovinata la vita, ho paura di far star male la gente. A volte penso che vorrei essere un po' più insensibile, ma questo l'ho preso dai miei genitori» - spiega la cantante - «Erano due persone straordinarie e generose, nonostante le vicissitudini della vita si occupavano di chi soffriva e io già da bambina ho visto altri bambini e adulti soffrire in ospedale. Mia madre, poi, pensava sempre agli altri e mai a se stessa».

Il papà fu decisivo per l'inizio della sua carriera: «È stato il primo a credere in me e in quella che passione, per la musica, che stava sbocciando. Aveva un caseificio, poi alcune vicende lo fecero cadere praticamente in rovina e divenne operaio. Non ce la passavamo bene e il massimo che poteva fare era noleggiare un pianoforte per farmi esercitare». Nel ricordare i genitori, Ivana Spagna non riesce a trattenere le lacrime e poi racconta ancora: «Ricordo che amici e compaesani un po' lo prendevano in giro, dicevano "Spagna, la tua fiòla vuole fare la cantante?". Dopo pochi anni, lui andava in giro con le mie cartoline e tutti gliele chiedevano».

C'è ancora spazio per i ricordi del passato, anche quelli più intimi e dolorosi. «Ci sono delle foto a cui tengo moltissimo, ad esempio l'ultima foto insieme a entrambi i miei genitori», ricorda Ivana Spagna. Che poi rivela: «Nel 1997 aspettavo una bambina, poco prima che morisse mia madre. Ebbi un'emorragia e la persi, a volte mi capita ancora di sognare mia madre con una piccolina in braccio».

 

Proprio la perdita della madre fu un evento drammatico e scatenante. «Quando è mancata mia mamma sono stata con lei, ma la mattina dopo sono andata a cantare perché lei ci teneva e io l'ho fatto per tutti i lavoratori. Sono andata avanti urlando ogni sera ma era sempre peggio, non dormivo più» - spiega ancora Ivana Spagna - «Egoisticamente, ho pensato che non ce la facevo più ad andare avanti. Mi isolai, chiusi con tutti, anche con i parenti e con il mio compagno, perché mi sentivo sola ma non volevo far soffrire anche gli altri. Non volevo vivere più, così andai in bagno e, per non sporcare, mi chiusi nella doccia per tagliarmi le vene. Proprio in quel momento, arrivò la mia gattina, che miagolando mi ha come risvegliato. Pensai: "E tu adesso con chi resti?". Solo in quel momento mi sono resa conto di cosa stessi facendo, la presi in braccio e piansi fino a liberarmi. Era una lucida follia, ma non isolatevi, è una cosa terribile e diventa sempre peggio».

Sul futuro, Ivana Spagna non ha dubbi: «Ho avuto le mie storie, ma spero ancora di trovare l'amore. Ho sei gatti e mi prendo cura di loro, alcuni hanno dei problemi di salute e non mi dispiacerebbe un veterinario dal cuore buono. Ovviamente di almeno 55 anni, con un animo gentile. Bello? Perché no, ma la bellezza è la prima cosa che ti fa innamorare e la prima a sfiorire col tempo».

 

 

Ultimo aggiornamento: 17:09 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci