Halloween, ecco la playlist del terrore dai grandi film horror italiani

Da Mario Bava a Martin Scorsese: ecco le pellicole da vedere

Domenica 31 Ottobre 2021 di Mattia Marzi
Halloween, ecco la playlist del terrore dai grandi film horror italiani

La colonna sonora perfetta per Halloween? Non cercatela necessariamente tra i classici internazionali, da “Thriller” di Michael Jackson a “This is Halloween” di Marilyn Manson: guardate al cinema italiano, piuttosto.

Per un trentennio, tra la fine degli Anni ’50 e gli Anni ’80, l’horror Made in Italy sapeva conquistare e affascinare il mondo ben prima di diventare il principale concorrente del cinema americano. La sua influenza sulla cultura pop internazionale ha reso registi come Riccardo Freda, Mario Bava e Aristide Massaccesi (Joe D’Amato) veri e propri autori di culto, capaci di guadagnarsi il rispetto di giganti come Brian De Palma, Martin Scorsese, Tim Burton e John Carpenter.

Le colonne sonore cult

Così come i film, anche le colonne sonore dei loro film sono state oggetto di collezionismo e venerazione negli anni da parte di una dedicata fanbase di cultori in tutto il mondo. A ricordarne la grandezza ci pensa ora “Paura”, una raccolta tratta dagli archivi Cam Sugar, contenente le musiche rimasterizzate di classici horror e thriller italiani: tra i brani, anche capolavori del Premio Oscar Ennio Morricone, Riz Ortolani e Stelvio Ciprani.

Già nei negozi dall’inizio di ottobre in formato vinile e cd, ora il disco arriva anche sulle piattaforme di streaming e in una speciale playlist su YouTube battezzata “Radio Paura”, in cui i brani si susseguono uno dopo l’altro: da “Mio caro assassino” di Morricone (tratto dall’omonimo film del ’72 diretto da Tonino Valerii) a “Minaccia sulla città” di Daniele Patucchi (da “Wild Beasts - Belve feroci” di Franco Prosperi, datato 1984), passando per “La dama rossa uccide sette volte” di Bruno Nicolai (dal film del ’72 di Emilio P. Miraglia, con Barbara Bouchet), “Greta” di Berto Pisano (da “La morte ha sorriso all’assassino” di Joe D’Amato, del ’73), solo per citare alcuni dei titoli.

 

I Goblin e il successo di Dario Argento

Musiche uniche nel loro genere: nonostante budget limitatissimi, i compositori diedero vita a straordinarie e avanguardistiche innovazioni musicali, lasciandosi guidare dalla regia sperimentale di quei maestri.

Merita una menzione speciali la partecipazione in brani come “La notte che Evelyn uscì dalla tomba” (dall’omonimo film del ’71) e “Ansimando” (da “Macchie solari” del ’74) di Edda Dell’Orso, storica corista amata da Morricone, che le fece interpretare i brani più celebri delle colonne sonore che compose, e dei Goblin, noti per aver a lungo collaborato con Dario Argento.

Ultimo aggiornamento: 1 Novembre, 08:23 © RIPRODUZIONE RISERVATA