Guillermo Mariotto, la confessione choc: «A Roma mi fermarono perché pensavano che avessi sparato al Papa»

Il severo giudice di Ballando racconta della sua infanzia e del suo desiderio di diventare Papa

Mercoledì 16 Novembre 2022
Guillermo Mariotto, la confessione choc: «A Roma mi fermarono perché pensavano che avevo sparato al Papa»

Stilista e noto giudice di Ballando con le Stelle, nonche ospite fisso di Mara Venier, Guillermo Mariotto è ormai una star. Ospite a I Fatti Vostri ha raccontato qualcosa in piu' della sua vita professionale: «Mi ero presentato come ballerino a Ballando – esordisce il personaggio tv – avevo avuto una telefonata con gli autori, ero in treno, avevo capivo poco, e alla fine mi chiesero un sì di massima, e dissi va bene. Un po’ di tempo dopo mi dissero che facevo un programma in prima serata con Milly Carlucci, non ci credevo, e invece ero io».

Ballando con le Stelle, lo sfogo di Paola Barale e Roly Maden: «La giuria è molto dura con noi»

Guillermo Mariotto, la confessione choc

Ma per il giudice da piccolo il suo destino doveva essere un altro: «Mi davano le botte in testa da piccolo perchè io volevo fare il Papa, mi dicevano che non dovevo dire quelle cose e che ero sacrilego, ma io dicevo che era comunque un mestiere. Nella graduatoria dei miei supereroi c’è Gesù Cristo, San Francesco e poi Zorro».

Alberto Matano infuriato a Domenica In: la telefonata contro la giuria di Ballando con Le Stelle

La perquisizione

Ha studiato a San Francisco per poi arrivare in Italia Guillermo. Poi una volta a Roma gli è successa una cosa incredibile: «A Giovanni II sono legato anima e corpo. Ero appena arrivato in Italia, stavo prendendo un caffè, e poi ho visto un casino e dicevano che avevano sparato al Papa. Mi hanno perquisito».

Ultimo aggiornamento: 18 Novembre, 09:17 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci