Paolo Paoloni morto a 90 anni: era il megadirettore galattico di Fantozzi

Paolo Paoloni morto a 90 anni: era il megadirettore galattico di Fantozzi
Chi non lo ricorda con il suo sorriso beffardo, crudele con i dipendenti come pochi sapevano essere: «Fantocci... Bombacci... Fantozzi!». Lui che è passato alla storia cinematografica come il “Duca Conte Maria Rita Vittorio Balabam”, più semplicemente il Megadirettore Galattico, il personaggio immaginario della saga letteraria e cinematografica di Fantozzi.

Anna Mazzamauro: «Fantozzi? Villaggio mi scelse perché ero un cesso»





Paolo Paoloni è morto oggi all'età di 90 anni ma rimarrà per sempre nella storia della commedia italiana, proprio come il suo Fantozzi. Originario di Ancona ma nato in Svizzera venne scoperto da Luciano Salce, con il quale recitò in numerose pellicole a partire dal 1968. La popolarità la raggiunge interpretando  il Megadirettore Galattico, macchietta portata agli eccessi del capo di un'azienda, la Balabam. Talmente inarrivabile tanto era il suo potere in ditta, da essere quasi una figura mitologica. 

La sua carriera cinematografica non finisce però con Fantozzi. Ha interpretato in particolar modo commedie, ma ha anche partecipato a film dell'orrore come Cannibal Holocaust, La casa nel tempo e Fairytale.
Molto attivo anche in televisione, ha fatto parte del cast della serie Nebbia in Val Padana, del 2000, in cui interpretava il maggiordomo della villa di Cochi & Renato. In tempi recenti lo si era visto anche in Don Matteo, un episodio nel 2006 ed uno nel 2011.
 

 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Mercoled├Č 9 Gennaio 2019, 16:57






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Paolo Paoloni morto a 90 anni: era il megadirettore galattico di Fantozzi
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
2019-01-10 12:18:28
Il primo film della saga di Fantozzi, risalente al 1975, meriterebbe di essere riscoperto giusto per renderci conto che non si stava meglio quando si stava peggio. E' vero: all'epoca non c'era la globalizzazione, non c'erano gli immigrati, un diploma di ragioneria era quasi garanzia di assunzione in un qualche ufficio, e un impiegato riusciva con il suo stipendio a mantenere la famiglia e a comprare casa. Ma a quale prezzo?... Siamo proprio certi di aver fatto passi indietro da allora, e non invece moltissimi passi avanti, di cui magari non ci rendiamo conto e a cui non saremmo piu' disposti a rinunciare?
2019-01-10 10:09:26
grande fantozzi!...