Sanremo, terza serata. Tosca in testa nei duetti. Benigni, monologo sul Cantico dei Cantici, Georgina balla, Mika canta De André

Giovedì 6 Febbraio 2020
Sanremo, diretta terza serata. Benigni entra con la banda e subito
1

Sanremo 2020, è Tosca ad aggiudicarsi la serata dedicata alle cover, in omaggio ai 70 anni del Festival. Dietro all'interprete romana, Piero Pelù e i Pinguini Tattici Nucleari. Il compito di votare questa sera era affidato all'Orchestra.

Sul palco dell'Ariston per il primo festival condotto da Amadeus, i 24 big in gara hanno portato ciascuno un ospite per cimentarsi in cover di brani storici della musica italiana: da Elodie con "Adesso tu" con Aeham Ahmad ad Achille Lauro insieme ad Annalisa per "Gli uomini non cambiano". 

Grande show superospiti: Roberto Benigni, che è tornato al Festival dopo 9 anni, e Mika, che ha cantato De André. Le protagoniste femminili saranno invece Georgina Rodriguez, fidanzata di Cristiano Ronaldo, e la conduttrice albanese Alketa Vejsiu. 
 

Cosa è successo ieri sera a Sanremo?

Sanremo 2020, pagelle look terza serata. Georgina 6.5, il terzo cambio è il migliore. Achille Lauro-Bowie 7
Sanremo 2020, le pagelle dei cantanti della terza serata: Giuria demoscopica 0, Rancore 8, Giordana Angi 4
Alketa-Amadeus e il mistero del microfono aperto: «4 minuti? Ma abbiamo un accordo!»
Sanremo, microfono aperto: la "segnalazione" dai social
Sanremo 2020, Piero Pelù con il lutto al braccio.Perché?
Elettra Lamborghini, duetto stonato e bacio con Myss Keta
Tiziano Ferro e Fiorello, guerra e pace a Sanremo: dallo «statte zitto» alla lettera di scuse
Cantico dei cantici, il significato del testo biblico portato da Benigni a Sanremo
Georgina Rodriguez: «Il tango? Cristiano Ronaldo mi ha aiutato a casa...»
«Ornella Vanoni ha stonato!» Social impietosi dopo il duetto con Alberto Urso
Sanremo, l'ex Matia Bazar stronca "Vacanze Romane" di Masini e Arisa: «Musical di terza categoria»

Ore 01.59: LA CLASSIFICA
1 - Tosca 
2 - Piero Pelù
3 - Pinguini Tattici nucleari
4 - Anastasio
5 - Diodato
6 - Le Vibrazioni
7 - Paolo Jannacci
8 - Gabbani
9 - Rancore
10 - Marco Masini
11 - Raphael Gualazzi
12 - Enrico Nigiotti
13 - Rita Pavone
14 - Irene Grandi
15 - Michele Zarrillo
16 - Achille Lauro
17 - Levante
18 - Giordana Angi 
19 - Elodie
20 - Alberto Urso
21 - Junior Cally
22 - Riki
23 - Elettra Lamborghini
24 - Bugo e Morgan

Ore 01.50: Il festival si conclude con un duetto di Alketa con Bobby Solo a sorpresa.

Ore 01.45: È un inedito Francesco Gabbani in versione Luca Parmitano quello di stasera, nella serata del festival dedicata alle cover, sulle note della hit di Toto Cutugno 'L'Italianò. Con una tuta da astronauta e una bandiera tricolore in mano, accompagnato da ballerini, Gabbani, ultimo artista in gara stasera, stupisce e diverte il pubblico dell'Ariston.

Ore 01.40: Elettra Lamborghini e Myss Keta 

Ore 01.37: E' la volta di Paolo Jannacci e e Francesco Mandelli

Ore 01.20: Sorprende Piero Pelù con la sua esibizione. Durante la cover di Cuore Matto, sullo schermo gigante appare Little Tony, in un 'duettò che rompe ogni costrizione spazio-temporale. Alla fine dell'esibizione ha anche spiegato il motivo del lutto al braccio: «Mi vergogno di essere uomo ogni volta che c'è un femminicidio».

Ore 01.13: è la volta di Morgan e Bugo che cantano Canzone per te 

Ore 01.09: Achille Lauro in versione David Bowie 2.0 canta "Gli uomini non cambiano con Annalisa"

Ore 00.49: Tosca canta Piazza Grande

Ore 00.00: Mika sul palco dell'Ariston canta alcuni suoi successi e omaggia la musica italiana. «Ho trascorso molto tempo a cercare di conoscere l'Italia, poi mi sono reso conto che l'Italia, più la conosci meno la capisci». 

Ore 23.54: Sensualissima Georgina Rodriguez, che ha incantato la platea dell'Ariston con un tango sulle note di 'Roxannè, nonostante fosse «la prima volta che ballo un tango», stupendo sul finale il pubblico con una spaccata. «Me lo ha insegnato Cristiano», ha detto la compagna del bomber juventino, scendendo poi fra il pubblico a lasciargli i fiori consegnati sul palco da Amadeus.

Ore 23.40: Sul palco dell'Ariston le protagoniste de L'Amica geniale

Ore 23.33: La serata prosegue con il medley dei Pinguini Tattici Nucleari

Ore 22.55: Roberto Benigni entra all'Ariston dall'esterno, accompagnato dalla banda folkloristica Canta e sciuscia, accolto da Amadeus all'ingresso. Ingresso all'Ariston sul red carpet con la fanfara 'Canta e Sciuscià, per Roberto Benigni. Amadeus lo accoglie nel foyer dell'Ariston, in teatro tutti in piedi al suo ingresso. Smoking e camicia bianca senza cravatta, il Premio Oscar sale sul palco. «Un ingresso così con la banda come un capo di Stato non mi era mai capitato. Questo è il più bel Sanremo che abbia mia visto», dice. Poi dedica un applauso ad Alberto Sordi e Federico Fellini, di cui ricorre il centenario dalla nascita. 

L'esegesi del Cantico dei cantici nella versione di Roberto Benigni è un inno all'«amore che è l'infinito messo alla portata di ognuno di noi. Non c'è vita umana che almeno per un momento non sia stata immortale, e lo sapete tutti. Noi che abbiamo avuto in sorte questo scherzo grandioso di essere al mondo, glorioso, ora lo sappiamo perché, per amore. E di amore ne facciamo sempre poco, anche i giovani che ne parlano tanto non è che fanno tanto all'amore. Sarei per farne di più, anche stasera all'Ariston, in diretta, tutti a fare l'amore diretti da Vessicchio e come va va, sarebbe una serata bellissima». Il Cantico dei cantici, continua il premio Oscar, «è la storia di una coppia, lei e lui che si amano, ma è la storia di tutte le coppie del mondo, la donna con il suo uomo, la donna con la sua donna, l'uomo con il suo uomo, addirittura ogni persona umana che ama per amare».
 

Ore 22.40: Sul palco un altro super ospite, Lewis Capaldi. 

Ore 22.15: Abito lungo rosa confetto, parlantina incontenibile, Alketa Vejsiu, nota conduttrice tv albanese, debutta all'Ariston con un inno «alle donne che hanno vinto questo festival. Da cittadina del mondo, dico grazie dall'Italia che è un esempio di integrazione, accoglienza, umanismo». Saluta in albanese i suoi connazionali e poi rifà le scale di corsa al contrario, «perché questa sera salgo verso il punto più alto della mia carriera professionale». 

Ore 22.10: Standing ovation all'Ariston per Alberto Urso e Ornella Vanoni, che hanno scelto "La voce del silenzio" per la serata delle cover. Un omaggio, in particolare, ad una delle signore della canzone italiana, che però ha tradito qualche incertezza nell'interpretazione.

Ore 21.40: Amadeus scende in platea per regalare a Ronaldo un gagliardetto della Juve, ma il regalo glielo fa lui. Siparietto all'Ariston fra il conduttore del festival e Cr7: il bomber della Juve regala ad Amadeus una maglia della squadra capolista con il suo nome sulla schiena. Il conduttore, interista sfegatato, lo abbraccia sorpreso. «Ci sono campioni che appartengono a tutto il calcio», ha detto Amadeus, porgendo la maglia al figlio seduto in platea affianco a Ronaldo.

Ore 21.20: All'Ariston si torna a parlare di violenza contro le donne: un video punteggiato di microfoni rossi, 'Una nessuna centomilà è lo spunto per Amadeus per lanciare un grande concerto, sabato 19 settembre all'Arena Campovolo a Reggio Emilia, per raccogliere fondi per i centri anti violenza. Le testimonial sono Alessandra Amoroso, Giorgia, Fiorella Mannoia, Laura Pausini, Gianna Nannini, Elisa ed Emma, ciascuna con un simbolo rosso. «Quando una donna lotta - dice Pausini - in fondo lo fa per tutte le altre donne, perché mai più una donna debba subire delle violenze. Centomila come le voci del pubblico che noi speriamo sia con noi nel nostro grande concerto di settembre». Nannini: «Ci siamo schierate ancora una volta perché non ne possiamo più. Basta con le donne vittime».

Ore 21.10: Gag "calcistica" Amadeus - Georgina Rodriguez sul palco dell'Ariston. Accogliendo la compagna di Cristiano Ronaldo, scesa dalla scala fasciata da un abito a sirena tempestato di strass, il conduttore si presenta in smoking nero e sciarpa bianca, che lei finge di apprezzare perché sono i colori della squadra di Ronaldo, la Juventus. Il conduttore toglie la sciarpa e mostra una parte del sottogiacca, che, con grande sorpresa della platea -dato che Amadeus è un noto interista- sembra essere una maglia della Juve. A questo punto lei gli chiede di restare in maglietta, incitando anche il pubblico, ma quando Amadeus la toglie, invece della maglia della Juve ha indosso la maglia del giocatore dell'Inter Lukaku. Il pubblico ride divertito, lui rimette la giacca rassegnandosi a portare i colori della squadra avversaria alla sua. «Non mi fotografate grazie», dice Ama ai fotografi prima di dare il via alla serata.
 

 

Ore 21.05: Junior Cally sul palco canta Vado al Massimo

Ore 20.59: Michele Zarrillo è il primo a esibirsi e canta Deborah con Fausto Leali. 

   

 
 

Ultimo aggiornamento: 7 Febbraio, 10:00 © RIPRODUZIONE RISERVATA