Prima crocifissione nel Regno Unito, trovati i resti di uno schiavo romano. «Miglior esempio al mondo»

La datazione al radiocarbonio ha collocato i reperti tra il 130-337 d.C

Mercoledì 8 Dicembre 2021
Prima crocifissione nel Regno Unito, trovati resti di uno schiavo romano. «Miglior prova al mondo»
2

Resti di uno schiavo romano con un chiodo di ferro di circa cinque centimetri conficcati nell'osso del tallone sono stati trovati nel Cambridgeshire e sono, ad ora, il «miglior esempio al mondo di crocifissione» e la prima prova di questa pratica mai rinvenuta dal Regno Unito. Gli archeologi hanno portato alla luce lo scheletro durante uno scavo nel villaggio di Fenstanton nel 2017 e hanno appena completato la loro analisi del macabro ritrovamento. La datazione al radiocarbonio ha collocato i reperti tra il 130-337 d.C.

Lo scheletro dell'uomo - che si ritiene avesse 25-35 anni al momento della sua morte - è stato trovato accanto a tracce di una struttura in legno con cui è stato sepolto. Piuttosto che una croce, tuttavia, il team ritiene che questo potrebbe essere stato un tipo di tavola chiamato "bara" su cui il cadavere sarebbe stato posto dopo la morte. Il fatto che non siano stati trovati altri chiodi nel corpo dell'uomo suggerisce che fosse legato, durante il suo calvario, a una struttura di legno separata - probabilmente un'altra tavola.

 

Schiavo scrocifisso in Gb, la scoperta 

Il chiodo che gli attraversava il tallone, hanno detto gli archeologi, probabilmente non serviva a sostenere il suo peso, ma a «farlo smettere di dimenarsi». Le prove fisiche della crocifissione - piuttosto che le descrizioni documentate della pratica - tendono ad essere rare, poiché i resti della vittima venivano solitamente eliminati senza tante cerimonie e le unghie rimosse per le loro proprietà magiche. I ricercatori non sono sicuri del motivo esatto per cui la vittima potrebbe essere stata crocifissa. Per alcuni, si pensa che siano state comminate pene estreme (che probabilmente includevano anche il rogo) per crimini gravi. Questi potrebbero aver incluso, ad esempio, rati di tipo politico come tradimento o sedizione, diserzione dall'esercito, distruzione di tombe, alcuni tipi di omicidio e stupro. Tuttavia, entrerebbe in gioco anche lo status, con quelli di rango più elevato che tendono a ricevere sanzioni meno estreme mentre, hanno spiegato i ricercatori, «quasi tutto potrebbe condannare uno schiavo alla crocifissione».

 

 

In un caso, ad esempio, una schiava è stata crocifissa semplicemente per essersi rifiutata di testimoniare contro la sua padrona. Anche la legge romana notoriamente imponeva che se uno schiavo uccideva il suo padrone, tutti gli schiavi di quell'uomo, comprese donne e bambini, venivano giustiziati, spesso mediante crocifissione. L'archeologa dell'Università di Cambridge Corinne Duhig ha detto al MailOnline che l'uomo di Fenstanton «potrebbe essere uno schiavo che ha commesso un crimine o un delitto».

Ultimo aggiornamento: 10 Dicembre, 08:35 © RIPRODUZIONE RISERVATA