Ciao Darwin, accusa di razzismo dagli Usa: «Italiani applaudono mentre una straniera annega»

Venerdì 10 Luglio 2020
Ciao Darwin, accusa di razzismo dagli Usa: «Gli italiani applaudono mentre uno straniero annega»

Ciao Darwin al centro di una bufera social. La trasmissione condotta da Paolo Bonolis è stata accusata di razzismo dallo statunitense David Adler, fondatore dell’associazione Progressive International, con un tweet diventato immediatamente virale. «Ho acceso la tv italiana - ha scritto Adler su Twitter - e ho trovato il canale Mediaset di Berlusconi che trasmetteva uno show chiamato Ciao Darwin, nel quale gli italiani applaudono mentre una straniera nera viene affogata in una vasca d’acqua per aver risposto male a delle domande. Il tutto osservato da due uomini con un completo e da una donna silenziosa in bikini».

LEGGI ANCHE --> Il post del leghista Gazzini: «Non c'è liberta senza razzismo». Poi precisa: «Io strumentalizzato»
LEGGI ANCHE --> Varese, chirurgo insulta paziente omosessuale in sala operatoria: «Sieropositivo del c...o»
 


Il post ha scatenato un putiferio su Twitter, dove in tanti - soprattutto dagli Usa - hanno attaccato italiani e televisione generalista. L'hashtag #CiaoDarwin è entrato in tendenza in diverse parti del mondo, a testimonianza dell'improvvisa attenzione mediatica riversata sulla trasmissione di Canale 5. A difendere Ciao Darwin ci ha pensato Marco Salvati, storico autore dei programmi di Bonolis, che ha risposto al tweet di Adler scrivendo: «Mi dispiace che tu abbia perso la parte migliore, quando uccidiamo tutti i concorrenti che hanno perso, senza distinzione tra bianchi e neri. Ai bambini a casa piace». In Italia la vicenda è stata commentata diversamente: in molti, che conoscono senza dubbio meglio la trasmissione, hanno spiegato come Ciao Darwin sia uno show dai toni leggeri, in cui spesso sono stati lanciati messaggi antirazzisti.
 

Ultimo aggiornamento: 20:31 © RIPRODUZIONE RISERVATA