Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Can Yaman e Chillemi, la nuova coppia della tv: dal 30 settembre in onda “Viola come il mare”

I due attori presentano la fiction che andrà in onda su canale 5 dal 30 Settembre

Sabato 17 Settembre 2022 di Ilaria Ravarino
Can Yaman e Chillemi, la nuova coppia della tv: dal 30 settembre in onda con Viola come il mare

«Belli belli in modo assurdo», come i modelli dello Zoolander di Ben Stiller. Lui, Can Yaman, 32 anni, passaporto turco e dieci milioni di Yamanine su Instagram. Lei, Francesca Chillemi, 37 anni, ex carabiniera del piccolo schermo con la corona da Miss Italia sul comodino. Sullo sfondo del quadretto, la Sicilia. Quella bella bella, naturalmente, mica quella della cronaca nera: «Palermo è più della mafia, e chi vedrà la serie lo apprezzerà. Abbiamo cercato una Palermo meravigliosa per raccontare una storia tenera che farà sognare gli spettatori». Così Luca Bernabei, amministratore delegato della casa di produzione Lux (la stessa di Blanca e Don Matteo) ha presentato ieri alla stampa Viola come il mare, la nuova serie giallo rosa in onda in sei puntate in prima serata su Canale 5 dal 30.

Can Yaman e Chillemi, la nuova coppia della tv


Una storia d'amore tra un poliziotto (Yaman) e una giornalista (Chillemi) tratta e serializzata a partire dal romanzo Conosci l'estate? di Simona Tanzini, stravolto il giusto perché «noi non facciamo romanzi ma macchine che devono andare lontano spiega la responsabile editoriale, Elena Bucaccio anche a costo di cambiare qualche pezzo». Il pezzo nuovo della serie è proprio il personaggio di Chillemi, che nel libro è una giornalista introversa con un problema alle gambe e una malattia neurodegenerativa, ma anche un potere speciale: leggere l'aura delle persone. Nella versione per piccolo schermo resta la capacità di vedere le emozioni, resta la malattia, ma si aggiunge qualcosa: Viola è bella, è una ex Miss Italia, va al lavoro vestita come le pare e tra i suoi superpoteri c'è quello di mettersi il rossetto senza guardarsi allo specchio. «Viola è una donna moderna che non si vergogna della sua bellezza, si mette la minigonna in redazione anche sapendo che gli altri la giudicheranno dice Bucaccio - Non per forza una donna in carriera deve rinunciare alla sua femminilità».

 

D'accordo e non potrebbe essere altrimenti - Chillemi, che nel personaggio ha messo molto della sua stessa biografia: «Quel che vive Viola l'ho vissuto io sulla mia pelle. All'inizio pensavo che la bellezza fosse penalizzante. Ho cercato di nasconderla. Viola mi ha aiutata a riconoscerla come un dono di cui non mi devo vergognare. Anche io ho diverse qualità e poterlo raccontare è stato catartico». C'è poi chi, sulla bellezza, sta costruendo un piccolo impero: succede a Can Yaman, regolarmente assediato dalle fan e già in partenza per Budapest per girare la serie Disney El Turco, prima di tornare in casa Lux e vestire i panni di Sandokan. «Io bello? Neanche ci farei caso, se non me lo ricordasse la gente appena metto il naso fuori di casa ha detto - Quello che posso dire è che la bellezza da sola, se non è accompagnata da ambizione, educazione e grinta, non ti porta lontano. Anche il talento da solo non basta, servono fortuna e impegno».

Le carte


Ma l'avvenenza dei due protagonisti, insieme all'ambientazione mediterranea, sono le carte su cui la produzione gioca scopertamente: «Abbiamo grandi aspettative sulle vendite estere dice Matilde Bernabei, presidente di Lux - Prima della messa in onda l'abbiamo già venduta a Israele e nei paesi dell'Est, trattiamo con Portogallo e Turchia». Di grana grossa rispetto a Blanca, il più recente successo Lux, la serie guarda chiaramente al pubblico generalista: «Punta a coccolare lo spettatore spiega Daniele Cesarano, direttore fiction Mediaset perché ti fa sentire bene senza essere banale». La voglia di adattare il libro, del resto, sarebbe venuta ai produttori «durante il Covid, nel periodo di maggiore stress emotivo», con il via libera alla lavorazione scattato all'ingresso nel cast di Yaman: «È un prodotto giustissimo per il pubblico di Canale 5 ha detto il direttore di rete, Giancarlo Scheri - Francesca era già stata da noi con Carabinieri e Can Yaman nel 2019 aveva esordito proprio in Mediaset, con una soap turca che segnò il suo ingresso in Italia». Un ingresso che quattro anni dopo è già un trionfo: «Per la prima volta ho recitato in italiano, nel ruolo di un poliziotto: ho dovuto pronunciare parole tecniche, avevo battute lunghe e paragrafi interi da mandare a memoria ha detto Yaman - Penso di essere molto migliorato. Il mio obiettivo, adesso, è sfondare. A livello internazionale».

 

Ultimo aggiornamento: 14:34 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci