Il dramma di Lino Banfi: «Ora che potrei godermi la vita con mia moglie, si è ammalata»

PER APPROFONDIRE: ammalata, lino banfi, moglie
Lino Banfi
«Il segreto del mio successo lungo 60 anni? La famiglia», Lino Banfi spiga la ricetta segreta della sua carriera, che è appunto la famiglia, composta dalla moglie Lucia e dai figli Rosanna e Walter.




Lino ha sposato la moglie nel 1962 e dopo tanti anni di lavoro vorrebbe godersi la vita al suo fianco, ma purtroppo lei si è ammalata: “Fin dall’inizio, quando i miei colleghi la sera si divertivano tra sesso e festini – ha fatto sapere a “Chi”, in edicola domani - Io stavo a casa con le pantofole, con mia moglie Lucia e i nostri figli.




Io e lei in 56 anni di matrimonio non abbiamo neanche mai fatto un viaggio o una crociera e adesso che potremmo goderci la vita, lei si è ammalata”.
Intanto lo vedremo presto in uno spot pubblicitario con Fedez: “Anche lui mi ha incoronato “nonno d’Italia” …”.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 25 Settembre 2018, 16:24






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
Il dramma di Lino Banfi: «Ora che potrei godermi la vita con mia moglie, si è ammalata»
CONDIVIDI LA NOTIZIA
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 7 commenti presenti
2018-09-26 17:44:18
Non seguo particolarmente le rappresentazioni sul set, ma ho avuto modo di sentire una particolare e verace intervista in cui raccontava le sue impegnate e sofferte vicissitudini esistenziali quando approdò al nord. Partì in totale povertà e si rifugiò in una stazione ferroviaria condividendo la notte con altri disperati in vagoni non operativi. Fu qui che conobbe un personaggio non più giovanissimo che gli consigliò di farsi operare alle tonsille. Ad infiammarle avrebbe provveduto lui con i suoi infusi adducendo: “tanto le tonsille a che ti servono?” Ed in questo modo avrebbe potuto mangiare durante la degenza. Così fece ma, subito dopo l’operazione, il chirurgo dispose un solo giorno di degenza. Disperazione! Fu allora che, raccontò Lino, rammentai ciò che mi disse mio padre prima della partenza con profondo senso d’affetto e speranzoso che così facendo potessi avere un futuro migliore data la mia irriducibile e ferma volontà. «Se mai ti dovessi trovare in reale difficoltà…tu dì la verità! (disse)…la semplice e pura verità!». Così fece Lino, e percorso da un pianto liberatorio ne conseguì che il chirurgo dispose una decina di giorni di convalescenza con pasti abbondanti. / La cosa mi colpì particolarmente poiché è vero: quando si è realmente in difficoltà la cosa migliore è di affidarsi alla Verità. // Oggi, 26.09.2018 per Qualcuno di questo forum è un giorno speciale di compleanno: vorrei solo manifestarlo in modo augurale e cortese, qualora fossi letto dalla persona festeggiata, naturalmente.
2018-09-26 14:25:36
Avrebbe cominciato a godersi la vita e la famiglia ben prima che a 82 anni, direi,e che la vecchiaia porti con sé malattie non e che sia un’eccezione o una sorpresa ma una terribile regola.
2018-09-26 13:23:22
Consigliava Orazio il "Carpe diem", finche' si e' in salute.Meglio una vacanza in tenda da giovani che la crociera con acciacchi e ...poca voglia di stupirsi ormai.C'e' chi con spot di materassi, scope,reggiseni o finestre o vasca con portiera ,gira la scena, e poi ci campa alla grande coi diritti d'immagine riprodotta migliaia di volte..
2018-09-26 12:13:47
Capisco umanamente il simpaticissimo Lino Banfi, però oggettivamente gli consiglierei di guardare il bicchiere mezzo pieno, lui si è già goduto 56 anni assieme alla donna che ama, meta alla quale ben pochi hanno la fortuna di arrivare.
2018-09-26 12:13:19
Qualcosa non quadra.