Alessia Fabiani: «Il mio ex ha tentato di strangolarmi». Ma un video smentirebbe la denuncia della letterina

La denuncia dell'ex letterina è del 2016. Ma ora verrebbe smentita da un filmato che dimostrerebbe la falsità dell’accusa

Lunedì 3 Ottobre 2022
Alessia Fabiani: «Il mio ex ha tentato di strangolarmi». Ma un video smentirebbe la denuncia della letterina

La denuncia è del 2016. Alessia Fabiani, ex letterina di Passaparola, programma che ha portato al successo colleghe del calibro di Ilary Blasi e Silvia Toffanin, denuncia il compagno, l’imprenditore Fabrizio Cherubini, per maltrattamenti. Secondo la denuncia, Cherubini avrebbe aggredito l'attrice “stringendole il collo, colpendola con schiaffi e spinte, tanto da cagionarle in un'occasione le lesioni, nonché danneggiandole gli effetti personali”, si legge negli atti in cui vengono narrati insulti e minacce. Un denuncia per aggressione che però, ora, verrebbe smentita da un filmato che dimostrerebbe la falsità dell’accusa. Lo racconta Repubblica. 

Le accuse

Secondo la denuncia, nel 2016 l'imprenditore romano, da cui la Fabiani ha avuto due gemelli, avrebbe aggredito l'attrice “stringendole il collo, colpendola con schiaffi e spinte". Diversa la versione di Cherubini, secondo il quale un filmato smentirebbe le aggressioni: motivo per cui l’imprenditore accusa la donna di falso e il nuovo compagno della showgirl di falsa testimonianza. La procura già in passato aveva chiesto di archiviare l'indagine: la “diffusa litigiosità in cui i singoli episodi appaiono slegati gli uni agli altri”, secondo i pm, non permetteva di sostenere un'accusa di maltrattamenti. E le lesioni non sarebbero supportate da una denuncia, visto che la.  Fabiani avrebbe rimesso la querela. Circostanza, quest'ultima, negata dalla donna, che disconosce la firma apposta nella remissione di querela.

 

Il filmato

Per questo motivo il procedimento giudiziario non si è mai fermato. Alessia Fabiani ha anche depositato un certificato medico in cui si parla di ecchimosi, ematomi alla testa e alla mandibola, contusioni al collo, ferite al labbro, tumefazioni vicino all'orecchio, lividi alle braccia. «Due giorni dopo (l'aggressione) andai ad Avezzano a ritirare un premio sempre teatrale e dovetti farmi un'acconciatura che mi copriva questa parte perché avevo un livido», ha detto la donna in aula. «Ma dalla visione del filmato la Fabiani si presenta con un vestito scollato, con le braccia coperte da un solo velo trasparente, e non presenta lesioni», dice Cherubini.

Ultimo aggiornamento: 22:29 © RIPRODUZIONE RISERVATA

PIEMME

CONCESSIONARIA DI PUBBLICITÁ

www.piemmeonline.it
Per la pubblicità su questo sito, contattaci