“Salvini not welcome”: striscione contro il ministro sul ponte di Rialto

“Salvini not welcome”: striscione
​contro il ministro sul ponte di Rialto
"Occupato" il pontile di palazzo Balbi
VENEZIA - Un lungo striscione con una scritta inequivocabile - "Salvini not welcome"  - è stato srotolato da esponenti del centro sociale Morion questa mattina, 30 agosto, sul ponte di Rialto a Venezia. Matteo Salvini è apparso ieri sera in laguna, ma non ha partecipato alla cerimonia di apertura della Mostra del Cinema di Venezia. Il ministro era al Lido per incontrare la compagna Elisa Isoardi che invece ha percorso, in abito lungo verde petrolio, il red carpet.
 
 


Matteo Salvini questo giovedì è in laguna per la firma del Protocollo per la legalità sulla Pedemontana.
Gli attivisti del centro sociale Morion hanno “occupato” il pontile di palazzo Balbi (sede della Regione e originario luogo della firma prima dello spostamento nella Scuola Grande di San Rocco) poi hanno srotolato il grande striscione sul ponte di Rialto.  «Mentre il Ministro dell’Interno da stamattina è chiuso all’interno di una zona rossa iperblindata - dicono- noi ci riprendiamo i luoghi simbolo della città per protestare contro la sua politica infame, razzista e di speculazione, sulla pelle di chi fugge da guerra e miseria, sulla pelle dei territori che vengono devastati da grandi opere utili solo a gonfiare i soliti portafogli e alla corruzione».

MISURE DI SICUREZZA
«Zona rossa» a Venezia intorno alla Scuola Grande di San Rocco
, dove oggi il ministro dell'interno Matteo Salvini firmerà con il presidente del Veneto Luca Zaia il protocollo per la legalità finalizzato alla costruzione della superstrada Pedemontana veneta. Le forze dell'ordine, applicando una ordinanza del Comune, hanno transennato l'area che circonda l'edificio, a pochi passi dalla Basilica dei Frari, bloccando l'ingresso ai turisti di passaggio. La zona è una delle principali direttrici verso la zona di Rialto. I disagi sono comunque limitati per residenti ed esercizi commerciali vicino alla scuola. 

 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovedì 30 Agosto 2018, 09:54






Condividi su Google+ Commenta
<< CHIUDI
CONDIVIDI LA NOTIZIA
“Salvini not welcome”: striscione contro il ministro sul ponte di Rialto
CONDIVIDI LA NOTIZIA
VIDEO
DIVENTA FAN
SEGUICI SU TWITTER
COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 63 commenti presenti
2018-09-03 19:15:21
Giusta, civile e democratica protesta contro un personaggio ammirato solo dai quattro sfigati elettori padan - legaiuol - veneti...hahahahahaahahahaha...P.S.: Si è saputo che fine hanno fatto i 49 mln. di euro che la sua lega si è imboscati ? Hhahahahahahahaahaha.....gigio, come sua abitudine direbbe: Leghisti, fora i schei......ciao enrico..ciao.
2018-08-31 11:57:45
Che dicono gli onti dei centri sociali? L'accusa della procura di Firenze parla chiaro contro quattro titolari e dirigenti di ditte e cooperative invischiate nella gestione dell'accoglienza dei migranti. Nei centri di accoglienza veniva fornito cibo avariato o scaduto, le lenzuola veniva cambiate ogni tre mesi, nessuno faceva le pulizie negli alloggi e non veniva neanche fornito agli ospiti il pocket money, il famoso contributo da 2,50 euro netti al giorno di cui avevano diritto. Nel mirino ci sono quelle coop che nel 2014 si sono aggiudicate i bandi della prefettura per l'accoglienza dei migranti nei centri di prima accoglienza di Lastra a Signa e Firenze. Ai domiciliari sono già finiti due dei quattro indagati, i soci della Eurotravel srl Ottorino e Davide Stantetti, accusati di frode in pubbliche forniture. I presidenti delle Coop "Il Cenacolo onlus", Matteo Conti, e il "Consorzio CO&So", Lorenzo Terzani, sono stati interdetti con lo stesso motivo da tutti gli incarichi societari.
2018-08-31 13:40:21
Ho letto la storia: ma i personaggi che lei nomina sono forse emanazioni dei centri sociali o dei comunisti locali?
2018-08-31 09:31:29
I fancazzisti hanno battuto un colpo...ma si tratta di sceneggiate: non appena la minoranza rumorosa e' costretta alla conta - da referendum o elezioni - e deve confrontarsi con la maggioranza silenziosa, emerge impietosa l'evidenza che dette frange sociali rappresentano lo zero virgola qualcosa percento degli aventi diritto: lo si e' visto con le Grandi Navi, lo si vedra' con la TAV e con la TAP, lo si vedra' anche con Salvini.
2018-08-31 08:12:44
lapasoa 2018-08-30 13:02:19 Chiaramente i 10 voti contrari a questo commento ci racconta che il Gazzettino e' percorso ogni giorno giorno da incursioni squadriste dei fancazzisti figli di papa'. Siete la maggioranza dei commentatori. Si è insultato da solo e ha pure insultato tutti i suoi compagni. Stavolta sono d'accordo con Lei. Mah!